Home » Storia di Avellino » La storia del Glen Cove Avellino,primo in classifica a New York.
Storia di Avellino

La storia del Glen Cove Avellino,primo in classifica a New York.

Glen Gove Avellino
Glen Gove Avellino

Dall’amore per l’Irpinia e dalla passione per il calcio nasce la favola del Glen Cove Avellino, protagonista nella Long Island Soccer Football League.

C’è un Avellino che guida a punteggio pieno il campionato di calcio di prima divisione a New York.

I colori non sono il bianco e il verde ma il rosso e il nero, il suo bomber non è Gigi Castaldo ma Tyler De La Torre, in panchina un veterano, Armand Alpian, con esperienze da calciatore anche in Europa.

La squadra che, almeno nel nome, richiama le gesta dei lupi irpini è il Glen Cove Avellino, da anni protagonista nella Long Island Soccer Football League, la lega calcio della maggiore isola statunitense (con esclusione delle Hawaii) che ricade nello stato di New York.

Nella stagione in corso il Glen Cove Avellino, che è la più titolata tra le formazioni aderenti alla LISFL, comanda, dopo nove giornate, la classifica a punteggio pieno, con 27 punti.

Nel quartiere omonimo si torna a sperare nel titolo, per allungare la striscia vincente.

Ma come mai una squadra di calcio di un torneo americano ha deciso di legarsi in maniera così forte ad Avellino, al punto da riportare il richiamo all’Irpinia addirittura nella denominazione ?

La ragione sta nelle origini del team e della città di cui questi difende i colori.


Glen Cove è una delle città di Long Island in cui, durante gli anni della grande migrazione, si stabilirono tantissimi emigranti provenienti dalla provincia di Avellino.

Qui, in particolare, folta fu la rappresentanza proveniente non solo dalla città capoluogo ma soprattutto da comuni della provincia, come Nusco e Sturno.

Gli sturnesi portarono a Glen Cove le loro abilità contadine e sfruttando gli ampi spazi verdi presenti sul territorio diedero vita a fiorenti attività agricole.

L’integrazione con la popolazione locale fu immediata.

Il flusso migratorio da Sturno verso Glen Cove di fatto non si è mai interrotto, al punto che sui circa 30.000 abitanti di Glen Cove, un terzo ha origini irpine ed, addirittura, circa 600 cittadini di Sturno hanno la loro residenza all’estero proprio nel comune dell’isola americana.

Sturno è anche gemellato con Glen Cove mentre sia a Sturno che a Grottaminarda alla città americana sono intitolate anche due strade.

Il resto lo ha fatto la passione per il calcio e, così, il compromesso trovato quando si è trattato di dare un nome alla locale compagine è stato quello di inserire al fianco di Glen Cove la dicitura Avellino.

E pazienza se i colori sociali non sono propriamente quelli tradizionali dell’Irpinia.

 

Seguici

Agedaonline.it sui social network

Spot

Spot

Spot