Archivio Senza categoria

A Palazzo Reale di Milano, in mostra “Arcimboldo”

Le 4 stagioni di Giuseppe Arcimboldo

Oltre 300 opere di Giuseppe Arcimboldo (Milano, 1527-1593) saranno esposte fino al 22 maggio 2011 al Palazzo Realae di Milano.

All’artista molto amato dai Milanesi, la sua città dedica una splendida mostra, suddivisa in 11 sezioni, per far rivivere a turisti e residente, l’atmosfera culturale del capoluogo lombardo nel periodo del cinquecento.

Figlio di Biago, pittore della Veneranda fabbrica del Duomo, Giuseppe inizia la sua esperienza artistica presso la bottega del padre, intorno il 1549, anno in cui era impegnato nella realizzazione dei disegni per la costruzione del vetrate del Duomo di Milano.

In esposizione a Milano oltre trecento opere che fanno rivivere al visitatore sia il percorso artistico di questo grande artista, sia l’atmosfera culturale che si viveva a Milano nel periodo del cinquecento.

[ad#News]Giuseppe Arcimboldo è famoso in particolare per le sue “teste composte” e dalle “diverse bizzarrie“. Arcimboldo ebbe un ruolo molto importate come illustratore, infatti i suoi disegni furono utilizzati dal famoso umanista delle scenzie naturali Ulisse Aldrovandi.

La mostra è suddivisa in undici sezioni.

Le prime due sono state dedicate allo studio dello sviluppò della cultura artistica milanese del Cinquecento. Infatti da un lato c’era il grande genio di Leonardo, dall’altro invece c’erano le grandi officine artistiche milanesi.

Qui potremo ammirare i disegni grotteschi di Leonardo (in prestito dalla Pinacoteca Ambrosiana, Pinacoteca di Venezia e Pinacoteca di Vienna), affiancati dai dipinti e disegni dei seguaci come Girolamo Della Porta, Bernardino Luini, Giovanni Antonio De Predis, Cesare da Sesto, Francesco Melzi, Giovanni Paolo Lomazzo, Giovanni Ambrogio Figino. Sempre in queste sezioni sarà possibile ammirare cammeri, madaglie, vasi e preziosi armi, opere di artisti e artigiani milanesi.

Nella terza sezione  vi sono le opere giovanili di Arcimboldo e dei suoi maestri come i disegni realizzati per le vetrate del Duomo di Milano, (realizzate insieme al  padre Biagio); l’arazzo con il Transito della Vergine (1561-1562) di Giovanni Karcher su disegno di Arcimboldo proveniente dal Duomo di Como.

Quella successiva è dedicata ai “ritratti” di animali e vegetali che furono importati in Europa dopo la scoperta dell’America.  All’epoca infatti, questa rarità venivano ritratte dal vivo, poi copiate ed inviate a regnati, studiosi di scienza e collezionisti.

Nelle sezioni che seguono il visitare resterà incantato dalle spettacolari Teste Composte di Arcimboldo Stagioni ed Elementi, (provenienti dal Kunsthistorisches Museum di Vienna, dalla Real Academia de San Fernando di Madrid e dal Museo del Louvre).

Molto interessante anche quella dedicata alla pittura ridicola, dove vi sono due dipinti di Arcimboldo provenienti da Stoccolma: Il bibliotecario e Il giurista.

Nell’ ultima sezione,  spazio artistico alle teste reversibili e alla natura morta, vi sono alcuni capolavori assoluti di Arcimboldo come  L’ortolano e Testa reversibile con canestro di frutta.

Infromazioni evento:

  • Data: fino al 22 maggio 2011
  • Luogo: Palazzo Reale Piazza Del Duomo, 12 Milano
  • Titolo mostra: “Arcimboldo. Artista milanese tra Leonardo e Caravaggio”

Spot

Spot

Spot