fbpx
Come negli esseri umani, l'osteoartrosi nei cani e l’artrite gatto è una malattia che diventa sempre più invalidante con l'età. Alcune razze sono più inclini a questa malattia rispetto ad altre. Il trattamento precoce può ritardare gli effetti dell'osteoartrosi nei cani e nei felini.
Costume e Società

Artrosi nei cani: come combatterla con la Regola delle 3C, Conosci, Controlla e Cura.

Come negli esseri umani, l’osteoartrosi nei cani e l’artrite gatto è una malattia che diventa sempre più invalidante con l’età. Alcune razze sono più inclini a questa malattia rispetto ad altre. Il trattamento precoce può ritardare gli effetti dell’osteoartrosi nei cani e nei felini.

Attualmente è lo screening il problema principale. L’osteoartrosi, da un lato è oggi sottodiagnosticata mentre esistono trattamenti che permettono di alleviare il dolore l’animale e ritardare gli effetti della malattia, dall’altro è noto che una diagnosi precoce ne aumenta l’efficacia.

Artrosi nei cani: segni e trattamenti

L’osteoartrosi è una malattia delle articolazioni. È la cartilagine articolare che viene gradualmente distrutta, costringendo il cane a zoppicare. L’osteoartrite può essere trattata ma non può essere curata.

Come si caratterizza questa malattia? Come si fa a capire se il cane ha l’osteoartrosi? I sintomi sono abbastanza visibili a breve termine. All’inizio, il cane si rifiuterà di saltare, di correre; eviterà di appoggiarsi all’articolazione malata e cercherà di bilanciare il suo peso sulle altre articolazioni. Se il cane zoppica, è già un importante segno. Quando la malattia è ben consolidata, il cane diventa intollerante a qualsiasi stimolo: può diventare anche aggressivo e mordere. Infine, la sua articolazione può essere completamente bloccata e non muoverà più questo arto.

L’osteoartrite non colpisce solo i cani anziani

Questa malattia come erroneamente si pensa, non è riservata solo ai cani anziani, anche se in essi si percepisce meglio la sua presenza. Non è raro che l’artrosi inizi a manifestarsi nei cani giovani per i quali la prima diagnosi è cruciale per il loro futuro benessere. L’osteoartrite provoca dolori cronici più o meno gravi che provocano disagio, anche disabilità, nei cani che non possono più eseguire i movimenti quotidiani (salire le scale, saltare, correre …). Questa diminuzione dell’attività genera quindi sovrappeso e degrado della massa muscolare che accelererà ulteriormente il processo di artrosi.

Gran parte dello scouting è l’osservazione del cane da parte del suo proprietario. Egli può meglio di chiunque altro rilevare dei significativi cambiamenti nelle abitudini, una manifestazione di dolore, un rifiuto di un’attività precedentemente amata, difficoltà ad alzarsi, zoppicare, rifiuto di salire le scale, grugniti quando lo si accarezza, prostrazione e così via. Questi riscontri da parte del proprietario dell’animale sono inestimabili per aiutare il veterinario nella sua diagnosi, che può integrare con i raggi X delle articolazioni.

Artrite negli animali: trattamenti efficaci

Quindi per rilevare la presenza e trovare i rimedi per l’artrosi del cane, meglio partire dalla cosiddetta regola delle 3C: Conosci, Controlla, Cura. Iniziare dando un’occhiata al cane, anche se sembra troppo giovane per sviluppare l’artrosi, e non esitare a fare tutte le domande del caso al proprio veterinario alla prossima visita, qualora si iniziano a notare i primi segni di dolore.

Esistono terapie farmacologiche ma anche raccomandazioni per l’esercizio fisico e la dieta. La prima delle precauzioni da prendere è il cibo. L’eccesso di peso nei cani è un fattore di rischio significativo. Per far perdere peso al cane, anche la dieta è un fattore chiave. Bisogna scegliere fin da piccoli alimenti formulati appositamente per la loro età, razza, peculiarità (sterilizzati o meno, per esempio) e fargli praticare molta attività fisica. Esistono alimenti per cani anziani che contengono elementi in grado di rafforzare la cartilagine.

Un’attività fisica regolare aiuta anche a rafforzare la cartilagine e combattere il sovrappeso. L’osteoartrosi nei cani non può essere curata perché il danno che provoca alle cartilagini è irreversibile. La diagnosi precoce della malattia da parte del veterinario è essenziale. Potrà così predisporre un adeguato trattamento farmacologico, spesso a base di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) ad uso veterinario che rallenteranno la progressione della malattia, allevieranno il dolore nell’animale e miglioreranno il suo benessere. Il trattamento a volte è lungo e deve essere scrupolosamente rispettato per essere efficace. È sempre associato a una dieta ed esercizio fisico adeguati.

Redazione online

Redazione online

Spot

Spot

Spot

Share via