Archivio Senza categoria

Avellino, “Più A.R.I” in campo contro la violenza sulle donne

La violenza sulle donne, purtroppo, rappresenta un tema sempre attuale. Ogni anno l’elenco delle vittime si allunga e sono ancora troppo numerosi i casi in cui, sebbene non incontrino la morte, molte donne continuano a vivere in un clima di terrore, rischiando quotidianamente di perdere la vita. E’ per loro che le misure sociali dovrebbero intervenire per scongiurare il peggiore destino.

In provincia di Avellino per questi casi, purtroppo diffusi, si sta battendo da oltre un anno l’associazione “Più A.R.I (+Azioni +Relazioni +Iniziative)” per la realizzazione di una casa rifugio per le donne vittime di violenza in Irpinia, il cui progetto porta il nome di “Una dimora per rifiorire”. L’associazione nata da poco è il frutto di un lungo percorso come comitato per creare sviluppo territoriale in tema di violenza sulle donne.

Oggi “Più A.R.I” si pone come obiettivo primario la nascita di un centro antiviolenza e di una casa residenziale per le donne vittime di abusi.

A tal proposito è stato aperto il conto corrente per la raccolta fondi, con un primo obiettivo di 25.000 euro. <<Si tratta di un progetto particolare che crei una solidarietà diffusa – ci spiega il presidente dell’associazione Ornella Petillo –. L’idea nasce dalla necessità di creare un luogo di accoglienza specifico che ancora manca sul territorio. Ci siamo attivati con il supporto della “Casa sulla Roccia”, struttura che da anni si occupa dei problemi legati alla tossicodipendenza ma non solo. Nei nostri piani è previsto uno sportello aperto a tutti, generico, ma l’accoglienza è per le donne che sono le vere vittime della violenza, pagando spesso, purtroppo, con la morte. Vogliamo attivare percorsi riabilitativi, con l’aiuto di personale qualificato, e assistiti da avvocati. La realtà vera non la possiamo conoscere se non in base alle morti certificate e alle denuncie sui maltrattamenti, ma ancora non c’è un luogo che sia attrezzato a poter analizzare a fondo la situazione>>.

Non basta più purtroppo solo sensibilizzare, ma è giunto il momento di agire per cercare di contenere un fenomeno sempre più preoccupante che rappresenta una vera e propria piaga della nostra società.

In merito alla raccolta dei fondi e alla volontà di divulgare quanto più possibile questa importante iniziativa, il 23 e 24 novembre, in collaborazione con l’UNICEF, si svolgerà presso il Carcere Borbonico di Avellino la manifestazione intitolata “Le giornate dei diritti”, in prossimità della “Giornata dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza” (20 novembre) e della “Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne” (25 novembre).

Il programma delle due giornate, con apertura dalle 10.30 alle 20.00, prevede una serie di mostre e testimonianze, e inoltre un appuntamento musicale, laboratori, uno spettacolo teatrale e, soprattutto, la solidarietà con la raccolta fondi UNICEF per l’emergenza Filippine e il mercatino Più A.R.I “Svuotiamo la soffitta” per sostenere appunto il progetto “Una dimora per rifiorire”.

* Nella foto un quadro di Dorotea Virtuoso che sarà in mostra al carcere Borbonico di Avellino


Spot

Spot

Spot