Week End a Casalbore.

Informazioni storiche e turistiche per trascorrere un week end nel comune di Casalbore in provincia di Avellino, Italia.

di

Vuoi Trascorrere un week end a Casalbore ? Ecco qualche utile informazione storica e turistica.

Casalbore sorge a poco meno di 600 metri di altezza sui fianchi del Calvello e domina la valle del Miscano e la Strada Statale che segue l'antico tracciato della via Traiana che metteva in comunicazione con la Puglia.

Dista 70 Km da Avellino ed ha radicate tradizioni agricole cui si va affiancando un crescente sviluppo per soggiorno climatico.

Nel territorio, in località Pietra Piccola, sgorga una sorgente solforosa, e alle falde del Miscano ce n'è una solforosa-ferruginosa-sodica.

E' un centro agricolo con attività artigianali (lana e latticini), è in una posizione naturale e ambientale che ne fa un luogo ideale di villeggiatura.

La Storia di Casalbore



Non conosciamo il suo antico nome ma, grazie ai rinvenimenti archeologici, sappiamo che sin dall'antichità il suo territorio è stato frequentato da varie popolazioni, ma probabilmente perché era attraversato da un'antica strada denominata Regio Tratturo Pescasseroli - Candela, tracciato viario che permetteva collegamenti con la Puglia.

 In età preromana il suo abitato era costituito da fattorie sparse. Di particolare rilievo è stato il rinvenimento di una necropoli di tombe a tumulo databili tra metà del VI sec. a.C. e la prima metà di quello successivo.

Tali tumuli, che contengono più inumazioni pertinenti allo stesso nucleo familiare, hanno diametri che vanno da 5 a 12 metri, sono alti m. 2,50 e hanno una struttura in pietrame.

I defunti sono in posizione supina; le deposizioni maschili sono spesso caratterizzate dalla presenza di armi di offesa, mentre le fibule fanno parte del costume femminile.

Tra i vasi di corredo è caratteristico il Kantharos con anse ed orecchini.

In località Macchia Porcara è stata individuata un'importante area sacra databile per una prima fase al V sec. a.C. Dopo la metà del III sec. a.C. il complesso è stato ristrutturato ma i lavori sono stati interrotti nel 217 a.C. a causa degli aspri scontri della seconda guerra punica.

Il tempio era preceduto da un'area scoperta con l'altare, fiancheggiata da portici. In pianta l'edificio templare era costituito da un vestibolo con sei colonne, precedute da tre gradoni, e da una cella.

I pavimenti erano in cocciopesto con tessere in pietra calcarea che creavano motivi a losanghe. Le pareti erano stuccate e all'interno la decorazione era costituita da false bugne in rosso e in giallo che terminavano con una cornice a dentelli.

In età romana Casalbore faceva parte del territorio di Benevento . Anche in quest'epoca l'insediamento aveva un carattere sparso. Interessante è un monumento funerario del III sec. d.C. trasformato in una chiesa dedicata a Santa Maria dei Bossi, la cui utilizzazione è attestata fino al VII secolo d.C

 

Cosa fare e vedere durante un week end.

 




Casalboresi nel mondo