Week End a Conza della Campania.

Informazioni storiche e turistiche per trascorrere un week end nel comune di Conza della Campania in provincia di Avellino, Italia.

di

Vuoi Trascorrere un week end a Conza delal campania ? Ecco qualche utile informazione storica e turistica.

Conza della Campania, comune della provincia di Avellino, dista 64 chilometri dal capoluogo.

L'originario centro abitato, situato a circa 600 metri su un poggio affacciato su un'ansa del fiume Ofanto, è oggi del tutto sostituito, a valle, in località Piano delle Briglie, dai recenti edifici della ricostruzione, seguita al terremoto del 1980.

La Storia di Conza della Campania





L'antica Compsa degli irpini, occupata da Annibale nel 216 a.C. dopo Canne e ripresa da Fabio Massimo nel 214 a.C. oggi offre al turista la contrapposizione tra il silenzio irreale del suo antico centro abbandonato dopo il terremoto del 1980 e le nuove abitazioni e la diga di cemento posti nella natura circostante.

Conza della Campania fu centro della strenua resistenza ai Franchi di Grimoaldo IV di Benevento e, in un duello da ordalìa, Ranfone da Conza uccise lo sfidante franco.

Fu poi assediata dai Saraceni attorno all' 860, occupata da Roberto il Guiscardo nel 1076, devastata da terremoti nel 990, 1456, 1694 e 1732. Nel 1921 fu unita a Bisaccia e Sant'Angelo dei Lombardi, per poi ritornare Comune autonomo.

Conza della Campania resta nota per aver dato i natali a personaggi come Francesco Antonio Cappone, il Duca di Napoli Giovanni il Conzino, il filosofo Prospero dell'Aquila e il vescovo Pietro da Conza.

Importante sede di gastaldato longobardo, fu feudo dei Balvano, dei Gesualdo e dei Mirelli.

Sede arcivescovile fin dall’XI secolo, vi si conservano ancora i ruderi dell’imponente Cattedrale in cui erano conservate le reliquie del patrono della città, S. Erberto.

 









Cosa fare e vedere durante un week end.

 



Conzani nel mondo