Feste, Fiere e Sagre a San Mango sul Calore .

Cosa fare a San Mango sul Calore in provincia di Avellino, Italia.

Le feste, le fiere e le sagre a San Mango sul Calore.

  • Cavalcata di S. Anna  26 Luglio.
  • Festa di San Teodoro  Agosto.
  • Riti della Settimana Santa.
  • Sagra dei fichi  24-26 Luglio.




Altre informazioni

La Cavalcata Di Sant'Anna

Il 26 luglio di ogni anno, giorno dedicato a Sant' Anna, si perpetua nell'abitato di San Mango sul Calore, nella Vallata dell'Uccello e intorno alla Cappella di Sant'Anna, la tradizione folkloristica religiosa della Cavalcata di Sant 'Anna.

Questa è la rievocazione storica che da sempre si rimanda di generazione in generazione: un cavaliere, in questi luoghi avventurosi per ragioni di comando e battaglia, si raccomandò all' intercessione della Santa perché la consorte potesse dargli un figlio.

Il miracolo si avverò ed il cavaliere, in segno di riconoscenza, organizzò un corteo di cavalieri e ritornò alla Cappella. Ivi giunto, compì alcuni giri intorno all'edificio, lanciando alle genti del posto monete d'oro e d'argento, in segno di gioia per il lieto evento.

Da allora, partendo dalla Casa Comunale un corteo equestre, con in testa il Sindaco ed i Consiglieri Comunali seguiti da cavalieri provenienti anche dai paesi vicini, vestiti con costumi d'epoca fedeli alle origini della propria appartenenza, raggiunge dapprima "la chiesetta del Cemeterio", si snoda per le strade del paese con lancio di grande quantità di confetti, quindi scende a valle costeggiando il fiume Calore, passando presso il "PONTE ROMANO detto di Annibale" risale sul poggio ove è situata la CHIESA di SANT'ANNA.

I cavalieri, accolti dalla gente con grida di gioia e saluti d'augurio, lanciano confetti bianchi ripieni di mandorle, in segno di abbondanza e speranza.
Per tre volte girano intorno al tempio di Sant' Anna, passando con agilità fra i numerosi pellegrini accorsi, entrano nella Cappella lanciando i confetti sull'altare dove si trova la Statua della Santa.

Il rito della Cavalcata, segno e memoria della gente che abita la Valle del Calore, si è consumato: mito che continua a vivere oltre il tempo e al di là dello spazio.

 









Articoli Correlati