Week End a Montecalvo Irpino.

Informazioni storiche e turistiche per trascorrere un week end nel comune di Montecalvo Irpino in provincia di Avellino, Italia.

di

Vuoi Trascorrere un week end a Montecalvo Irpino ? Ecco qualche utile informazione storica e turistica.

Montecalvo Irpino, comune della provincia di Avellino, dista 60 chilometri dal capoluogo.

Situato su una collina che domina l'intera e fertile valle attraversata dal fiume Miscano, Montecalvo si trova quasi al confine tra le province di Avellino, Benevento e Foggia.

La sua economia è basata quasi esclusivamente sulla produzione di cereali, ortofrutticoli e uva da tavola di qualità.

Alla fine del ' 900 sono state impiantate anche alcune aziende vivaistiche, tra cui primeggiano le coltivazioni delle ciliegie.

La Storia di Montecalvo Irpino





a cura di
Savatore Salvatore

E' un paese ricco di storia e di tradizioni. Sorge sopra una collina della valle del Miscano e le sue origini vengono fatte risalire ai Longobardi, anche se nel suo territorio non mancano ritrovamenti archeologici di epoche precedenti.

Nel 1099, da Montecalvo partirono una sessantina di militi per partecipare alla Crociata, indetta da Guglielmo il Buono.

La prima famiglia che tenne il feudo di Montecalvo fu quello dei Portafranco, intorno alla prima metà del XII secolo.

Successivamente, il suo territorio fu aggregato alla contea di Ariano. Dopo varie vicende, nel 1505, riebbe la sua autonomia e dal 1525 fu contea essa stessa sotto Sigismondo Carafa, primo conte di Montecalvo . Suoi successori , per via femminile , furono i Pignatelli ce la tennero fino alla metà del XIX secolo.

Questo paese è stato sempre gravemente colpito dai terremoti che ne hanno , via, via modificato l'abitato spingendolo ad occupare nuove aree. Oggi si presenta come un ameno centro, ricco di monumenti e vestigia, legato al nome di Domenico Pirrotti, santificato da Pio IX (1934) col nome di San Pompilio.

Altri uomini illustri di questa terra furono il beato Felice da Corsano, i giuristi Bartolomeo Bozzuti e Francesco Panori, il capo della carboneria Diofebi Bisogni e lo storico Giuseppe Lo Casale.

Caratteristico il costume tradizionale delle donne montecalvesi dette "pacchiane"









Cosa fare e vedere durante un week end.

 



Montecalvesi nel mondo