Chiese, Palazzi e Monumenti a Luogosano .

Cosa vedere e visitare a Luogosano in provincia di Avellino, Italia.

LA PARROCCHIALE DI SANTA MARIA MAGGIORE E SAN MARCELLINO DI LUOGOSANO

Al centro del paese, sulla piazza principale, si trova l’antichissima parrocchiale di Santa Maria Maggiore e San Marcellino.

La sua antichissima origine è testimoniata dal campanile passante, posto al centro della facciata, e dalle epigrafi romane che vi sono ben evidenziate e leggibili. All’interno si possono ammirare lapidi e cippi funerari romani, inglobati nelle pareti e nei pilastri.

Testimoniano che questa chiesa fu edificata in età paleocristiana, su un sito dove la civiltà romana aveva lasciato numerose e significative tracce.

 Attualmente la chiesa preserva una semplice e monumentale vasca battesimale in pietra del 1586 e un fastoso altare maggiore del 1739, donato dall’arcipresbitero Jacopo Antonio Venuti, che commissionò anche, nel 1763, la balaustra e la scalinata mistilinea in pietra di Fontanarosa, che delimita l’area dell’altare maggiore.

LA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA PIETA’ DI LUOGOSANO





Nella parte più alta del paese sorge la chiesa di Santa Maria della Pietà. Più volte ricostruita, presenta, sulle pareti, dei modesti dipinti ad olio raffiguranti alcune scene della vita di Cristo.

 Sull’altare maggiore del 1862 è una scultura lignea della Pietà di egregia fattura settecentesca.

In breve

  • il Centro Storico, con le caratteristiche case e viuzze, tipiche dei borghi medioevali, con i portali in pietra sulle facciate delle abitazioni e i balconi in ferro battuto.
  • La Chiesa del Carmine che ingloba nelle mura elementi provenienti da edifici di epoca romana, custodisce tele, statue e arredi che datano dal ‘700 all’800.
  • La parte Archeologica riferibile a Luogosano si trova lungo il corso del Calore, dove un primo importante ritrovamento (una lastra in travertino con iscrizioni latine) venne effettuato ai primi del ‘900. Successivamente sono venuti alla luce reperti dell’età del bronzo, i ruderi di un Ponte Romano sul Calore e una Necropoliin località Monte dei Morti.

 









Articoli Correlati