Week End a Quadrelle.

Informazioni storiche e turistiche per trascorrere un week end nel comune di Quadrelle in provincia di Avellino, Italia.

di

Vuoi Trascorrere un week end a Quadrelle ? Ecco qualche utile informazione storica e turistica.

Quadrelle, comune della provincia di Avellino, dista 23 chilometri dal capoluogo, si trova a 300 metri di altezza ai margini orientali della Conca di Baiano, immersa nel verde e quasi a ridosso della Strada Statale 7bis e dell'Autostrada Napoli-Bari.

Piccolo comune del Preappennino campano, Quadrelle sorge nella valle del torrente Acqualonga, all'estremo limite occidentale dell'avellinese. Fa parte della Comunità Montana del Vallo di Lauro e Baianese.

La salubrità dell'aria e l'acqua delle sorgenti attirano numerosi turisti.

Pregiata è anche la produzione dell'olio delle colline circostanti e del nocciolo coltivato prevalentemente in pianura, dove sono coltivati anche cereali e frutta.

La Storia di Quadrelle





di Antonio Gaglione

Per quanto riguarda il toponimo è stata ipotizzata una derivazione dal latino quadra, che indicherebbe appezzamenti quadrati di terreno o divisioni amministrative. Meno attendibile sembra l'origine da " quatrelle", le frecce a punta quadrangolare dei giavellotti la cui manifattura era tipica dell'antico Oppidum Quatrellarum, su cui , secondo la tradizione locale , sorgeva Quadrelle.

Risale all'epoca normanna l'antico borgo di Quadrelle, sito dove ora sorge il Palazzo baronale dei Pagano. Nell'Ottocento furono rinvenuti reperti archeologici di epoca romana.

Il paese fece parte della Baronia di Avellino alla fine del Duecento, quando fu concesso in suffeudo da Rinaldo d'Avella a Tommaso Scillato. Questi, nel 1312, lo cedette all'Abbazia di Montevergine. Nel 1567 il feudo fu trasferito alla Santa Casa dell'Annunziata di Napoli che lo tenne fino all'eversione della feudalità. Quadrelle, fino ai primi anni del Seicento, fu casale di Mugnano del Cardinale, di cui condivise le vicende storiche e feudali.

Nel 1861 il Comune, che faceva parte della Provincia di Terra di Lavoro (Caserta), passò definitivamente alla Provincia di Principato Ultra (Avellino). Tuttavia, Quadrelle, come tutti i centri del Vallo di Lauro - Baianese, per cultura e tradizione è maggiormente legato all'Agro nolano.

Il 18 agosto del 1861 il paese fu invaso dai briganti capeggiati dal caporale Angiolillo: furono sequestrati e uccisi il medico Andrea de Matteis insieme alla sua domestica. Sulla casa natale del medico, divenuta sede municipale, fu collocata una lapide marmorea in memoria dell'illustre medico, letterato, poeta e patriota.

Di notevole interesse storico è la chiesa della Santissima Annunziata. L'edificio, di fine Cinquecento, conserva al suo interno un altare maggiore in marmo policromo, sculture lignee di santi, e tele settecentesche.

Il Palazzo baronale della famiglia Pagano, fu costruito nel XIV secolo sui ruderi del Castello normanno e ristrutturato nel settecento. Costituito da oltre cinquanta vani, l'edificio comprende un giardino pensile con alberi secolari e fontane.

 









Cosa fare e vedere durante un week end.

 



Quadrellesi nel mondo