Week End a San Sossio Baronia.

Informazioni storiche e turistiche per trascorrere un week end nel comune di San Sossio Baronia in provincia di Avellino, Italia.

di

Vuoi Trascorrere un week end a San Sossio baronia ? Ecco qualche utile informazione storica e turistica.

San Sossio Baronia, comune della provincia di Avellino, dista 55 chilometri dal capoluogo, a 650 metri di altezza su un pendio della dorsale tra il fiume Ufita e il suo affluente Fiumarola.

In un magnifico scenario naturalistico, è un paese di radicate tradizioni agricole.

La Storia di San Sossio Baronia





Il paese, con molta probabilità, prese il nome da una cappella dedicata al martire Sossio di Miseno costruita dai Benedettini che vivevano nel vicino convento di Acquara.

In seguito anche il nucleo abitato sviluppatosi intorno alla nuova chiesa, fatta erigere dal feudatario di Trevico al posto della cappella, si chiamò San Sossio.

Le prime notizie documentarie su San Sossio Baronia risalgono al 1269, anche se consistenti ritrovamenti archeologici fanno pensare ad antiche preesistenze.

A Civita sono state rinvenute tracce evidenti della presenza sannitica e soprattutto romana.
Durante il medioevo la storia del paese appare legata a quella di tutta la Baronia di Vico.

Successivamente, quando morì il capitano spagnolo Consalvo de Cordova e gli successe l'unica figlia Elvira, San Sossio venne venduta, con Trevico e Zungoli, a Francesco Loffredo; mentre gli altri paesi della Baronia, Carife, Castelbaronia, San Nicola e Flumeri, seguirono altre destinazioni.

Sotto i Loffredo San Sossio rimase fino al XIX secolo. Dopo l'Unità di Italia il paese fu interessato dal fenomeno del brigantaggio.

Una sossiana, Filomena Pennacchi, divenne la compagna del capobanda Giuseppe Schiavone e partecipò con lui, fino al momento dell'arresto, a razzie e scontri.

 









Cosa fare e vedere durante un week end.

 



Sossiani nel mondo