fbpx
AXRT Galleria d'arte ad Avellino
AXRT Galleria d'arte ad Avellino
Arte e Cultura

L’arte sostenibile in mostra alla AXRT Conteporary Gallery di Avellino.

“ECO – Sostenibilità visionaria”: In mostra alla Galleria AXRT le opere di cinque autori: Davide Brioschi, Emiliano Stella, Gennaro Vallifuoco, Luigi Grassia e Teresa Sarno

Promuovere l’arte contemporanea nella città di Avellino con l’obiettivo di stimolare curiosità ed interesse ed allargare i confini della conoscenza di chi ha la sensibilità per guardare oltre.

Un progetto che è il racconto dello spirito umano attraverso il bello, quello che la AXRT Contemporary Gallery di Avellino, in via Mancini 19, ha inteso avviare nel cuore del capoluogo irpino.

Una galleria che, come spiega uno degli animatori, Stefano Forgione, mette al centro l’arte tout court, senza connotazioni geografiche che ne restringerebbero la portata universale.

“Una galleria d’arte contemporanea – spiega Forgione – è tale ad Avellino, a Milano o a Parigi. La si visita per ammirare delle opere e vivere delle emozioni. Trovo limitante ed errato parlare, come pure spesso si fa, di artisti irpini, artisti locali. Si fa un torto agli autori, le cui opere non possono essere circoscritte ad un territorio”.

Uno spirito, quello che muove la AXRT Contemporary Gallery di Avellino che viene particolarmente apprezzato dal pubblico.

“Anche se inconsciamente l’arte è legata al territorio, andrebbe fatto un lavoro di astrazione dallo spazio. Per far si che si possa godere pienamente di ciò che si osserva senza necessariamente legarlo ad un concetto di appartenenza territoriale che è molto limitativo”.

Da quando la AXRT Contemporary Gallery di Avellino ha aperto i battenti, sono tanti i visitatori che, con curiosità ma anche competenza, hanno varcato i cancelli per godere del contenuto esposto.

Il prossimo appuntamento è in programma sabato 22 settembre 2018, con il vernissage (ore 19.00) della mostra “ECO – Sostenibilità visionaria”, a cura di Stefano Forgione.

In esposizione le opere di cinque autori: Davide Brioschi, Emiliano Stella, Gennaro Vallifuoco, Luigi Grassia e Teresa Sarno.

La mostra potrà essere visitata fino al 15 ottobre, tutti i giorni dalle 18 alle 21 ed il sabato e la domenica anche dalle 10 alle 13.

Anche in questo caso, l’obiettivo è quello di avvicinare il mondo dell’arte, in tutte le sue espressioni, a quanto può essere inteso “sostenibile”.

Argomento già ampiamente analizzato e affrontato dalla critica nel mondo dell’arte.

Nessuna presunzione, nessun suggerimento, ma solo una visione tipicamente artistica, sognatrice, cromatica, estetica che avvicina inesorabilmente l’immagine, raccontata dal singolo artista, a qualcosa di intangibile che riporta il fruitore a fantasticare, associare quel colore o quell’immagine alla percezione soggettiva, lasciando libera ogni interpretazione.

I 5 artisti, ognuno con le sue tecniche ed il suo percorso, esporranno le loro opere e le “racconteranno” ai visitatori, aggiungendo all’immagine pittorica un’accurata descrizione di ciò che la stessa nasconde.

Dare una definizione universale di “sostenibilità” è un’impresa assai difficile, forse impossibile, poiché si tratta di un tema che abbraccia i significati più disparati, campi diversi, talvolta contraddittori.

La collettiva è stata pensata senza considerare le varie tecniche rappresentative ed artistiche dei singoli, proprio perché il senso della stessa, è quello di dare l’opportunità all’osservatore di leggere in maniera soggettiva, secondo l’attrazione presso questo o quell’artista, apprezzando la bellezza dell’opera, l’attinenza con il tema della mostra, senza lasciarsi trasportare dalla grammatica espressiva.

L’insieme delle opere, dopo un’attenta lettura, garantirà ad ognuno la possibilità di cogliere il tema della sostenibilità, non analizzando esclusivamente l’immagine rappresentata, ma leggendolo oltre il raffigurato e cogliendo ciò che si nasconde dietro ogni tela.

Leggi anche

Spot

Spot

Spot