fbpx
Spettacoli

Caparezza in concerto con “Museica”: date da Napoli a Milano

A distanza di tre anni dall’ultimo lavoro discografico, il ritorno di Caparezza racconta l’arte attraverso la musica. E’ infatti uscito il 22 aprile il suo ultimo albumMuseica”, che comprende 18 brani inediti ispirati ad altrettanti quadri, al quale seguirà un tour estivo dal Nord al Sud dello Stivale.

Anche questa volta il live promette di far vivere al pubblico un susseguirsi di emozioni, tra i maggiori successi del passato e i brani contenuti nell’ultimo disco.

Gli appuntamenti estivi iniziano con quello del 13 giugno a Bagnoli (Napoli) all’Arenile Reload, del 14 a Bari nel corso dell’Acqua in Testa Music Festival, del 22 a Sogliano al Rubicone (Fc) in Piazza Matteotti, del 26 a Grugliasco (Torino) presso il GruVillage e del 27 a Padova, presso lo Stadio Euganeo nell’ambito dello Sherwood Festival.

Gli appuntamenti di luglio prevedono invece tappe a Milano, l’11 all’Ippodromo del Galoppo – City Sound, ad Azzano Decimo (Pordenone), il 17 in Piazza Libertà, a Barolo (Cuneo), il 20 in Piazza Colbert in Collisioni Festival, a Roma , il 22 all’Ippodromo delle Capannelle nel Postepay Rock in Roma.

Ancora date durante il mese di agosto. Il 6 appuntamento a Catanzaro presso l’Arena Magna Grecia, il 9 a Palermo nel Complesso Monumentale Castello a Mare e infine a Gallipoli (Lecce) il 19 presso Parco Gondar.

Museica” rappresenta il sesto disco di inediti per l’eccentrico artista pugliese, il primo di cui è anche produttore. Presentato in una galleria d’arte, il disco può essere inteso come “album-museo”, un lavoro molto ambizioso nel quale ogni traccia richiama infatti un dipinto celebre che diviene il punto di partenza per affrontare diversi argomenti di chiara attualità e di varia umanità.

Una sorta quindi di “concept album”, da gustare nella sua interezza.

Il primo estratto è “Non me lo posso permettere”, un pezzo che si ispira al trittico di Francis Bacon “Tre studi di Lucian Freud”. Lo spunto per la scelta del titolo proviene dal fatto che questo lavoro del pittore irlandese rappresenta una delle opere d’arte più costose al mondo, pretesto per Caparezza per argomentare, tra sonorità e parole, una delle frasi più pronunciate degli ultimi tempi.

Opinioni

Spot

Spot

Spot