Archivi categoria: Costume e Società

Napoli e il calcio: una lunga storia d’amore, di passione e sentimento.

Quello tra la città di Napoli ed il calcio non è solo un legame sportivo. E’ una vera e propria storia d’amore e di condivisione, di passione e interpretazione di sentimenti, di valori e riscatto sociale. Come ce ne sono poche in Italia.

La città di Napoli conobbe il gioco del calcio nel 1904 grazie, manco a dirlo, ad alcuni inglesi.

La Storia

La storia del Napoli calcio partì nel 1926 quando nacque la prima squadra che portava il nome della città e che si affacciò, da subito, sui palcoscenici importanti della serie A.

Tra Napoli e il calcio fu amore a prima vista.

Il gioco fece innamorare i napoletani che impararono, da subito, ad esaltarsi per le vittorie e a portare in trionfo i campioni dell’epoca che rispondevano ai nomi di Attila Sallustro e Vojak e, successivamente, Monzeglio, Jeppson, Pesaola, Vinicio, Charles ed il grande Omar Sivori.

E’ soprattutto con i grandi numeri “10” che i partenopei hanno sempre avuto un feeling particolare.

Sarà per l’estrosità mostrata in campo che, in un certo qual modo, ha sempre rispecchiato la fantasia tipica del popolo napoletano.

Negli anni ’70 il Napoli sfiora più di una volta lo scudetto. Siamo in piena era Ferlaino, il presidente che legherà il suo nome ai momenti più gloriosi della società azzurra.

Sull’erba del San Paolo, lo stadio ubicato nel quartiere Fuorigrotta in cui il “ciuccio” disputa i suoi incontri casalinghi, il pubblico impazzisce per le gesta di Sormani, Altafini e Dino Zoff.

E’ però con la metà degli anni ’80 che la formazione vesuviana riesce a togliersi lo “sfizio” di salire sul tetto d’Italia.

A rendere grande il Napoli è quello che è considerato il giocatore più forte del mondo di tutti i tempi, Diego Armando Maradona, ingaggiato nell’estate del 1984 dal Barcellona.

Tra l’asso argentino e la città di Napoli scoppia immediatamente la passione. I suoi dribbling mandano in visibilio gli 80.000 del San Paolo ma anche i tifosi delle squadre avversarie che si inchinano di fronte alle sue magie.

Per 7 anni Napoli diventa la capitale del calcio italiano, vincendo due scudetti, una Coppa Italia ed una Coppa Uefa.

La partita di calcio, grazie alla presenza del “Pibe de oro” diventa un’attrazione degna dei grandi monumenti cittadini, dal Maschio Angioino al Teatro San Carlo, da Piazza Plebiscito a Castel dell’Ovo.

In molti itinerari turistici è contemplata la domenica pomeriggio al San Paolo, dopo aver visitato il centro storico della città, a completamento di un viaggio nell’arte, nella cultura e nella storia della più grande città del Meridione d’Italia.

Il calcio, Maradona, sono un simbolo al pari della pizza (che ha i più grandi interpreti in “Brandi”, “Di Matteo” e “Michele”, tre locali storici), della sfogliatella (quella di “Scaturchio” è ancora oggi una prelibatezza unica) e delle specialità gastronomiche marinare (“Ciro a Mergellina”, “Vadinchenia”, “La locanda del Grifo” sono tappe da non perdere).

Terminata l’era dell’argentino, la squadra azzurra vive un periodo di declino.

Non basta la presenza di Marcello Lippi sulla panchina ad evitare un lento decadimento, fino al fallimento della società che costringe i tifosi a sorbirsi due anni nell’inferno della serie C dopo che un imprenditore del settore cinematografico, Aurelio De Laurentiis, decide di investire nel mondo del calcio, promettendo ai napoletani e agli sportivi di tutta Italia, di riportare il “ciuccio” nel gotha del pallone. Impresa in parte riuscita.

Manca ancora il terzo scudetto, ma nell’era De Laurentiis il Napoli conquista tre volte la Coppa Italia e solleva anche una Supercoppa di Lega.

Stadio Diego Armando Maradona

Dal 4 dicembre 2020, il Napoli disputa le sue gare interne allo stadio Diego Armando Maradona. La nuova denominazione attribuita allo storico “San Paolo” è giunta nemmeno dieci giorni la scomparsa del Pibe de Oro, avvenuta il 25 novembre 2020.

Un cambio di denominazione figlio dell’amore perenne che la città di Napoli ha tributato e continua a tributare al suo asso che, nonostante siano passati tanti anni da quando incantava con le sue giocate sul manto erboso, resta ancora oggi un riferimento per la popolazione partenopea.

Attualmente, la capienza dello stadio “Maradona”, che in occasione delle Universiadi 2019 è stato sottoposto ad un intervento di restyling, è fissata in circa 55mila spettatori.

Come raggiungere lo stadio Maradona

Lo stadio “Maradona” di Napoli si trova nel quartiere Fuorigrotta.

E’ raggiungibile, in auto, prendendo l’uscita Fuorigrotta della Tangenziale o, in alternativa, l’uscita Agnano, per raggiungere i parcheggi Bagnoli.

Per chi arriva in treno, la fermata è Campi Flegrei, la stessa per chi usufruisce del servizio metropolitano (linea 2), dalla stazione centrale di Piazza Garibaldi.

Lo stadio di Napoli è raggiungibile anche con il servizio autobus: dalla Stazione Centrale bus 151 dell’Anm, dall’aeroporto di Capodichino linea Alibus fino a Piazza Garibaldi e, da qui, o linea metropolitana 2 o bus 151 dell’Anm.

La sede

Da luglio 2006 la sede ufficiale della Società Sportiva Napoli Calcio si trova a Castelvolturno (Strada Statale Domitiana Km 35,300) soli 30 minuti da Napoli e Caserta e si estende su un’area di 2.800 metri quadrati. La struttura comprende 3 campi da calcio realizzati in erba naturale, un attrezzato laboratorio medico, uno spazio conferenze, una sala video e un salone per il merchandising.

  • Numero di telefono +390815095344

Dove mangiare vicino lo stadio Maradona

Diverse e per tutti i gusti le opportunità gastronomiche che la zona nei pressi dello stadio offre.

Pub, ristoranti e, naturalmente, pizzerie non mancano per i tifosi che vogliano rifocillarsi prima o dopo la partita.

In via Lepanto si segnalano il Guest House Pub, il ristorante O’ Murzillo e La Bistecca.

Per chi non vuol rinunciare alla pizza, ecco La Focaccia e la pizzeria Fratelli Cafasso in via Giulio Cesare, Bella Napoli in via Francesco Galeota e La Sosta in piazzale Tecchio.

Graziella Di Grezia presenta la raccolta di poesie “Versi Immersi”

Sabato 9 e domenica 10 ottobre 2021, presso l’Università Irpina del Tempo Libero ad Avellino, si svolge la “Mostra di Poesie” dal libro “Versi Immersi” di Graziella Di Grezia.

L’occasione funge anche da presentazione ufficiale del volume, scritto durante il periodo della pandemia e pubblicato dalla casa editrice partenopea Graus nel settembre 2020. Si tratta della quinta raccolta di poesie dell’artista avellinese impegnata da sempre nella scrittura di poesie e racconti brevi, nonché stimato medico radiologo che si occupa di diagnostica senologica integrata.

Abbiamo rivolto alcune domande al medico e artista Graziella Di Grezia, che ci spiega qualcosa in più dell’idea di creare una presentazione inedita e sicuramente coinvolgente del suo ultimo lavoro editoriale. 

Cosa vuol dire poter tornare a un evento live? 

<<La volontà di rivedere le persone e interagire era molto forte – ci spiega Di Grezia – Il libro è uscito a settembre 2020 e a distanza di un anno c’è stato un bel riscontro sui social che comunque hanno aiutato tanto. Immaginiamo se la pandemia fosse accaduta senza i social, in quel caso saremmo rimasti completamente isolati. Però ciò non toglie che un incontro di persone, molte delle quali hanno già letto il libro, può essere uno spunto di riflessione ancora più stimolante. Il desiderio di creare una mostra è legato al fatto di avere la presenza di persone ma non contemporaneamente. Quindi dare la possibilità di girare non restando nello stesso spazio per un tempo prolungato, in ragione delle normative e della tranquillità di coloro che intervengono>>. 

Com’è nata l’idea di una mostra di poesie? 

<<L’idea nasce sia dal criterio di adattamento a un evento che fosse quanto più vicino alla tranquillità dei presenti, sia dalla possibilità di variare l’approccio alla poesia. Normalmente a un evento di presentazione di un libro, o si parla della presentazione o dell’autore oppure si recitano dei versi che vanno ascoltati dal pubblico in maniera passiva. In questo modo invece cambiamo un po’ l’approccio: ognuno può scegliere su cosa soffermarsi, come fosse un vero e proprio quadro. Anche la possibilità di non avere le mani impegnate ma solo la vista e selezionare ciò che vuol essere letto. Ma anche poter fotografare, poter fare un selfie davanti a una cornice, potersi taggare sui social. Un approccio diverso, insomma. Rappresenta perché no, anche uno spunto di riflessione per poter sedere a una mostra senza dover necessariamente ascoltare parole sul libro o sull’autore in maniera piuttosto passiva davanti alla possibilità di interagire con la poesia stessa. E penso, anche virtualmente, che un giorno ognuno possa portare a casa una cornice o regalarla. La poesia che possa dunque girare in maniera diversa, come fosse un quadro>>. 

Graziella Di Grezia: medico e artista che sostiene la causa della poesia come elemento essenziale dell’esistenza umana. Come cura dell’anima. 

<<Partirei proprio dalla definizione di “stato di salute” da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che è stata da poco rivista. Esso viene definito come “benessere fisico, psichico, spirituale, sociale e ambientale”. Noi medici molto spesso ci occupiamo soltanto di un problema specialistico o legato a una problematica di un organo, di una patologia funzionale, del tentativo di tenere sotto controllo una persona operata. Ci occupiamo nel dettaglio di qualcosa che interessa meramente la malattia. Si è un po’ perso il concetto del medico che si occupa della persona e del suo benessere, anche in assenza di apparenti patologie. Sarebbe invece necessario garantire una figura quanto più umana possibile, che possa avere un rapporto con il paziente diretto e a tutto tondo, facendo capire la propria umanità che passa anche dall’ambito letterario. Molto spesso il medico diviene solo uno sterile operatore che si occupa di numeri, di scrivere referti, di fare interventi o visite. Concetto da rivisitare a mio avviso. Il medico è una persona che deve possedere una cultura letteraria di base e che si occupa della salute degli individui senza dimenticare le peculiarità dell’essere umano che ha di fronte. Tutto questo a favore del paziente. Mentre a favore del medico, il vivere tra malattie e persone senza condizione di benessere o con benessere parziale non è semplice. E avere la possibilità di occuparsi d’arte in qualche modo solleva dai mali quotidiani dell’essere medico. Perché le problematiche legate al lavoro operativo si possono superare con l’utilizzo di armi differenti. Quindi la poesia può rappresentare una cura per i pazienti che allo stesso tempo solleva noi medici. E se la uniamo anche alla musica, mettendo insieme i sensi, forse riusciamo ad avere una visione coinvolgente dalle stesse arti, talvolta difficili da rinnovare. Quindi è un tentativo di presentare un prodotto d’arte che nasca dalla quotidianità. La poesia nasce dalla quotidianità e si eleva ad arte>>. 

Durante l’evento “Mostra di poesie” da “Versi immersi” di Graziella Di Grezia, alcune poesie diventano protagoniste dell’esibizione di Pianoterraduo, che vede impegnate la stessa Di Grezia al pianoforte e Susanna Puopolo come voce recitante. La presentazione vede la partecipazione straordinaria del flautista Filippo Staiano, docente del Conservatorio di Napoli. 

Calcio: torna di scena il campionato di serie A

Dopo la sosta per le qualificazioni del Mondiale 2022, sono tornati i campionati di massima divisione, per quanto riguarda il calcio europeo che conta. La serie A nonostante abbia perso protagonisti importanti come Ronaldo, Lukaku e Donnarumma, torna in scena con risultati imprevedibili e spettacolari. Dopo solo tre giornate infatti iniziano a delinearsi i primi scenari di questo girone d’andata.

Guida la classifica il terzetto composto da Milan, Roma e Napoli

A punteggio pieno troviamo solo tre formazioni: Roma, Milan e Napoli. Delle tre l’unica che aveva concluso la passata stagione tra le prime della classe è il Milan di Stefano Pioli. I rossoneri confermano come da statistiche, che durante il girone d’andata hanno una marcia in più, visto che questo è il terzo anno in cui iniziano con il piede giusto. Lo stesso potrebbe dirsi anche per il Napoli, se non fosse che dopo due gare più o meno abbordabili contro il neopromosso Venezia e il Genoa in trasferta, è riuscito a battere la Juventus, squadra che almeno in termini di pronostici partiva favorita per la conquista del titolo. La squadra resta ancora come una delle potenziali formazioni coinvolte per la lotta scudetto, almeno in termini di quote e di scommesse serie a per la stagione 2021-2022.

Tuttavia la formazione bianconera guidata da Massimiliano Allegri è un cantiere aperto che complici le molte defezioni per via delle qualificazioni ai prossimi mondiali, non ha potuto contare sul pieno organico per l’insidiosa trasferta disputata al Maradona. La Roma di José Mourinho esce vittoriosa in modo abbastanza rocambolesco dall’Olimpico, contro un tonico e spettacolare Sassuolo. È stata una gara intensa e difficile, con due squadre che hanno pensato più ad attaccare e a costruire che a difendere e il risultato finale di 2-1 non è la giusta fotografia di una gara spettacolare e dal ritmo mozzafiato. Tra le prime della classe, ma già non più a punteggio pieno troviamo anche Udinese e Inter. I campioni d’Italia dopo le prime due uscite si sono dovuti accontentare di un pareggio contro la Sampdoria di D’Aversa. Una gara equilibrata e con un ritmo tutto sommato elevato, per essere una partita disputata alle 12 e 30 di domenica.

Atalanta e Juventus già in ritardo rispetto alla testa della classifica

Scorgendo la classifica, che ancora non è così indicativa di come sarà l’andazzo della stagione troviamo Udinese, Lazio e Fiorentina, davanti a squadre come Atalanta e Juventus. Non è una cosa insolita, visto che in particolare la formazione guidata da Gasperini ha sempre puntata su una preparazione atletica che inizia a dare i suoi risultati a metà stagione. La vera sorpresa in negativo è invece la Juventus, specialmente se di considera che a parte il Napoli ha affrontato squadre medio-piccole come l’Udinese di Gotti e l’Empoli di Andreazzoli. Inizio non certo brillante per la neo-promossa Salernitana. La formazione allenata da Fabrizio Castori è ferma a zero punti, con undici reti subite e soltanto due realizzate. Per il momento è la peggior difesa del campionato, davanti a Cagliari e Spezia, che invece hanno subito 9 reti. Nonostante sia ancora presto per esprimere un giudizio su questo avvio di stagione, ci sono dei numeri che fanno riflettere. I buoni risultati di Milan e Roma, specialmente sono indicativi del fatto che questo campionato è salito di livello rispetto alle stagioni precedenti, con un gruppo di squadre coeso, che potrebbe lottare per la Champions, come era avvenuto anche durante la passata stagione.

Foto di Marco Pomella da Pixabay

Scuola di danza “Esmeralda”Avellino parte il nuovo anno accademico al Country Sport.

Sono partiti i corsi dell’anno accademico 2021-2022 della scuola di danza Esmeralda, rinomata realtà avellinese con sede al Country Sport.

Tra specialità già in essere negli anni precedenti, e alcune interessanti novità per quello in partenza, le attività riprendono dopo la pausa estiva con la solita grinta che trova forma e sostanza nell’operato della Direttrice Artistica, Guendalina Manzi

<<Siamo prontissimi per accogliere i nostri allievi e dare il via a un nuovo anno ricco di tanto entusiasmo e grandi progetti – spiega la portentosa Manzi. – Sono aperte le iscrizioni e non vediamo l’ora di ritrovarci di nuovo tutti insieme per ricominciare lì dove avevamo interrotto>>. 

Guendalina Manzi

Quali sono i corsi in programma ai quali potersi iscrivere? 

<<Ci sono le discipline che caratterizzano la nostra scuola da sempre, ovvero la danza classica, che seguo personalmente insieme alla bravissima maestra Rosaria Carifano, e il contemporaneo, con la talentuosa maestra Valeria Lanzara. Poi proseguiremo con il dancehall, che ha riscosso un notevole interesse nei nostri allievi, e poi ci sono due novità in fase di avvio e per le quali nutro un forte entusiasmo>>. 

Cosa ci può dire in merito a questi nuovi corsi della scuola?

<<Inizieremo quest’anno i corsi di yoga, sia per adulti ma anche per bambini, un’attività fisica e mentale che in questi giorni è decisamente utile al proprio benessere personale. E poi faremo lezioni di passo a due, che tanto affascinano il pubblico, ma che presuppongono soprattutto una tecnica specifica legata molto alla coordinazione e all’empatia che si deve sprigionare danzando in coppia>>. 

Quali sono i desideri legati alla sua attività per questo nuovo anno accademico? 

<<Il mio obiettivo, nonché forte desiderio, è quello di organizzare diversi stage con maestri di fama internazionale e partecipare a concorsi, che mettano in luce la bravura degli allievi e diano loro chance per il futuro>>. 

La scuola di danza Esmeralda, da oltre 10 anni riferimento ad Avellino e provincia nella formazione di ballerine e ballerini, accoglie piccoli allievi fin dai 3 anni di età, avvicinando loro al mondo della danza in maniera ludica e giocosa. Allo stesso tempo, si affida a professionisti del settore per la formazione degli allievi più grandi, con la prospettiva di formare diplomati di elevato valore artistico. 

<<Non vedo l’ora di rivedere tutto il mio gruppo di allievi, che in questi ultimi periodi mi è mancato tantissimo. Ho tanti progetti nella mia testa dedicati a loro, che rappresentano la “mia famiglia danzerina”. Nella mia attività di insegnante, lavoro sempre affinché insieme possiamo realizzare i loro desideri e raggiungere ambiti obiettivi. E in questi mesi trascorsi, ho studiato tanti video, ascoltato nuove musiche, pensato a coreografie diverse e tante idee mi sono brulicate in testa. Ho cercato di utilizzare al meglio il tempo che ho avuto a disposizione per farlo fruttare e sono pronta, insieme alle preparatissime maestre che mi affiancano, a metterle in pratica>>.

La danza è una forma d’arte che da sempre affascina persone di ogni età. Lei la pratica da quando aveva 3 anni e la insegna da quando ne aveva 18. Cosa può dire alle giovani generazioni in merito a questo tipo di “attività”? 

<<Ritengo che, soprattutto partendo dalla più tenera età, la danza sia una forma espressiva che riesce a far sognare, ad andare oltre la realtà in maniera assolutamente positiva e sana. Per questo sono innamorata del mondo della danza e mi piace trasmettere questa passione che fa bene al corpo, perché lo rinvigorisce, lo mantiene giovane e in forma, e all’anima, fornendo quella necessaria dose di bellezza e di poesia che mai come oggi sono valori necessari. E’ importante non precludere la passione per la danza lì dove è presente, ma incentivarla per raccoglierne tutti i frutti preziosi che riesce a offrire, sia in termini personali sia in termini sociali>>.  

Come ogni anno, dall’inizio del nuovo anno accademico, la Scuola di danza Esmeralda mette a disposizione due lezioni di prova gratuite per tutti i nuovi iscritti.

Esmeralda Danza: per informazioni ed iscrizioni ai corsi 2021/2022:

Fino al 30 Settembre Iscrizione Gratuita e 2 Lezioni di Prova per i Nuovi Iscritti.

  • Direttrice Artistica Guendalina Manzi – Telefono +39 349 392 7483
    Indirizzo: Contrada Valle Santa Caterina, 83100 Picarelli Avellino presso Country Sport.

Tra Parchi acquatici ed avventura, dove far divertire i bambini in Campania.

Campania terra d’arte e natura ma anche un concentrato di opportunità di svago e divertimento. Per ogni età e stagione.

Parchi a tema, divertimento e avventura, strizzano l’occhio e integrano le opportunità uniche al mondo costituite dai siti archeologici di Pompei, Ercolano e Paestum, le magiche isole di Capri, Ischia e Procida, le perle costiere di Amalfi, Positano e Ravello, non trascurando il mito di Palinuro, che rappresentano solo una parte dello straordinario patrimonio attrattivo della Campania.

Soprattutto per la gioia dei più piccoli, negli ultimi anni si è moltiplicata l’offerta dei parchi divertimento in tutta la regione Campania, presenti sia lungo la costa che nelle aree interne.

Parchi a tema, parchi aquatici, parchi avventura in Campania dove lasciarsi andare allo svago e al gioco e dove la noia non è mai ammessa.

Edenlandia a Napoli

Il nome storico del divertimento in Campania è quello di Edenlandia, il parco giochi del rione Fuorigrotta che è considerato l’antesignano in Europa di tutti i parchi a tema per ragazzi. La sua inaugurazione risale al 1965 ma l’ideazione e costruzione è datata addirittura 1937. Il parco si estende su una superficie di 60mila metri quadrati e presenta numerose e divertenti attrazioni per bambini e ragazzi.

Magic World a Giugliano

Tra i parchi acquatici, uno dei più frequentati è il Magic World di Giuliano in Campania, il più grande nel suo genere in tutto il sud Italia. Scivoli di ogni altezza, kamikaze e foam su tappetini, il black hole su canotto sono solo alcune delle attrazioni più gettonate. All’interno del parco anche un’area relax. Il parco è aperto da giugni a settembre.

Acquafarm a Battipaglia

L’Acquafarm di Battipaglia è l’unico parco acquatico con spiaggia del meridione. Il centro del divertimento è costituito da una piscina di 1500mq con tanti scivoli pronti a far vivere emozionanti esperienze. Trascorrere una giornata all’acquafarm significa godere del massimo divertimento ma anche di rilassarsi tra le vasche idromassaggio e l’area solarium

Acquapark Isolaverde a Pontecagnano

Uno dei luoghi più cool dell’estate salernitana. Isolaverde è un parco divertimenti estivo per adulti e bambini con tantissime attrazioni che lasciano tutti con il fiato sospeso. Turbo luce, trottola, kamikaze, black hole, black cannon, acquascivolo sono solo alcune delle esperienze da non perdere.

Ditellandia a Mondragone

A pochi chilometri da Napoli, sin dagli anni ’90 Ditellandia è sinonimo di gioia, divertimento ed estate. Dal toboga ai tre scivoli kamikaze, dal quadriscivolo agli scivoli per bambini e le innumerevoli piscine che ospitano tanti giovani (e meno giovani) attratti solo dalla vogli di divertirsi.

Il Girasole ad Apice

In provincia di Benevento, nell’entroterra campano, un parco acquatico è già di per sé una curiosità. Ma il Girasole di Apice, nel Sannio, è davvero un piccolo scrigno per il divertimento dei bambini, per i quali sono presenti scivoli adatti alla loro età, ma anche per gli adulti. Una perfetta alternativa ad una giornata al mare.

Parco avventura Il Pettirosso ad Atripalda

Il Parco Avventura il Pettirosso, si trova all’interno del Parco Pubblico di Atripalda in provincia di Avellino. Trascorrere una giornata qui, significa vivere immersi in una natura incontaminata.

Sotto la guida di istruttori, è possibile provare i 5 percorsi con diverso grado di difficoltà, per vivere a pieno una fantastica avventura in totale sicurezza, senza rinunciare al divertimento e all’adrenalina.

Parco Avventura Montevergine ad Ospedaletto d’Alpinolo

Il Parco Avventura Montevergine si trova in in Via Selva dei Preti in una lussureggiante pineta di Ospedaletto d’Alpinolo.  

I percorsi acrobatici sono realizzati mediante passaggi aerei tra gli alberi, posti a varie altezze grazie a piattaforme in legno sospese ed elementi di percorso come, ponti tibetani, teleferiche, corde, reti e passerelle, che permettono il passaggio da un albero all’altro.

L’accesso al parco è gratuito, mentre l’acquisto del biglietto comprende l’accesso ai percorsi del parco avventura, l’attrezzatura di sicurezza (DPI) composta da imbragatura, casco, doppia longe con moschettoni, briefing con l’istruttore su un percorso dimostrativo e l’assistenza “dal basso” durante le attività. Il parco Dog Friendly, qui gli amici a 4 zampe sono sempre benvenuti!

Leggi anche

Foto di Scott Webb da Pexels

Campionato di Serie A in streaming, parte il conto alla rovescia ma in molti temono una scarsa qualità dei video.

Con ancora negli occhi le scintillanti immagini di Euro 2020 che ci hanno regalato il titolo di Campioni d’Europa dopo ben 53 anni, lo sguardo si proietta già alla prossima stagione sportiva: dove guardare le partite del campionato di serie A in tv?

La domanda di tutti gli appassionati di calcio, ancor di più quest’anno, galvanizzati dalla Coppa e con la speranza di alzarne un’altra ancor più prestigiosa a fine 2022, è legata alla rivoluzione dei diritti tv che, poco prima dell’avvio dei campionati Europei ha, di fatto, modificato gli assetti dei player dello streaming.

Dove Guardare la Serie A TIM in TV.

Ad assicurarsi i diritti tv per la trasmissione in esclusiva delle dieci gare del campionato di calcio italiano di serie A è stata la piattaforma DAZN che, interrompendo il dominio Sky che durava da anni, trasmetterà tutta la serie A in esclusiva, per un totale di 380 partite in un anno.

Piccola consolazione per il colosso Sky: la co-esclusiva di tre partite ogni settimana per un totale di 114 gare che saranno trasmesse nel corso dell’anno.

Quanto costa l’abbonamento a DAZN.

Per guardare tutta la serie A Tim sarà sufficiente, dunque, sottoscrivere un abbonamento alla piattaforma DAZN, con promozioni che per i vecchi abbonati che per chi si legherà al broadcaster.

Il costo complessivo dell’offerta DAZN (tutta la Serie A TIM, di cui 266 partite in esclusiva, 7 ogni giornata, e 114 in co-esclusiva, ossia 3 a giornata. Poi la Liga spagnola, poi la Libertadores, poi la FA CUP e Carabao Cup (coppe di Lega inglesi).

Senza dimenticare Coppa Sudamericana, MLS e i canali tematici di FC Internazionale e AC Milan. Infine, Europa League e Conference League.) è stato fissato in euro 29,99 al mese

Per chi volesse interrompere l’abbonamento, sarà sempre possibile, in qualsiasi momento dell’anno, senza costi aggiuntivi.

Quali dispositivi sono compatibili con DAZN?

Puoi guardare DAZN con la tua Smart TV, smartphone, tablet, console di gioco e molti altri dispositivi. Un consiglio per avere un’esperienza sempre migliore: utilizza un dispositivo con connessione Internet compatibile con streaming di video di alta qualità.

Qual è la larghezza di banda necessaria?

DAZN fornisce streaming video di alta qualità. Seleziona automaticamente la migliore qualità video disponibile per il dispositivo e la velocità di connessione a Internet. Di seguito sono riportati i nostri consigli per la velocità di download su internet per guardare gli eventi sportivi su DAZN: 2.0 Mbps: velocità di download consigliata per la risoluzione SD (Definizione Standard). Questa velocità è ok per guardare lo sport in movimento sul vostro telefono cellulare. 3.5 Mbps: velocità di download consigliata per la risoluzione HD (Alta Definizione). Questa velocità è buona per guardare lo sport sul cellulare. 6.5 Mbps: velocità di download consigliata per la risoluzione HD e frame rate elevati. Se stai guardando lo sport sulla TV, questa è la velocità minima di download che raccomandiamo. 8.0 Mbps: velocità di download consigliata per la risoluzione HD, la più alta qualità video e frame rate elevati.

DAZN su TIM Vision.

I contenuti sportivi di DAZN possono essere visionati anche da chi ha attivato la TV on demand di TIM, Tim Vision.

Per abbonarsi non è necessario disporre di un abbonamento telefonico di rete fissa o mobile con TIM, ma è sufficiente collegarsi al sito di TIM Vision e registrare un proprio profilo, dal quale poi attivare l’abbonamento.

Cosa vedere con DAZN.

Oltre a tutto il campionato italiano di serie A, con l’abbonamento a DAZN sarà possibile usufruire, nel pacchetto, anche di altri eventi sportivi, come il mondiale MotoGP, Moto2 e Moto3, la National Football Legaue, il fighting, la boxe, Indycar e freccette.

Con Dazn saranno disponibili anche i canali tematici del Milan e dell’Inter.

Su quanti dispositivi è possibile vedere i canali DAZN.

L’offerta dei canali DAZN può essere caricata, per ciascun abbonamento sottoscritto, su sei differenti device.

In contemporanea, invece, è possibile visionare gli eventi sportivi DAZN su due diversi dispositivi.

DAZN è disponibile su Smart Tv, Apple TV e Android TV oltre che, tramite APP, su tutti i dispositivi mobili, sia Apple che Android.

L’offerta televisiva può essere goduta anche attraverso il computer, collegandosi al sito Dazn.com e registrando un account, o su consolle PlayStation 4 o Xbox One.

Quanto costa l’abbonamento a SKY.

Sky ha dovuto rivedere al ribasso le tariffe del pacchetto sport che sarà visibile sulla piattaforma Now, che passa dai 29,99 dello scorso anno ai 14,99.

Il Pass Sport di Now consentirà a chi lo sottoscriver di vedere tutti i contenuti di Sky Sport che oltre a 3 match della serie A ogni settimana prevede anche 121 delle 137 sfide complessive della Champions League 2021/2022.

I contenuti di Sky Sport su Now contemplano anche l’Europa League, la Conference Legaue e tutta la serie B di calcio, compresi i playoff ed i playout.

Sempre attraverso i canali di Murdoch si potranno vedere alcune partite della Premier League inglese, della Ligue 1 francese e della Bundesliga tedesca.

A completare l’offerta sportiva di Sky, l’attuale stagione del Motomondiale e ancora tutta la Formula 1, i principali tornei di tennis internazionali ed il basket NBA.

Curiosità, misteri e miti: ecco cosa non sai della roulette

La roulette è un gioco affascinante ed ipnotico, ed uno dei giochi più popolari in Italia e nel mondo. Ma cosa lo rende speciale? In questo articolo sveleremo alcuni aspetti curiosi di questo gioco che in pochi conoscono.

Curiosità sulla roulette

La roulette è un gioco antico che ha conosciuto varie versioni. Quella a cui giochiamo oggi è la stessa a cui si giocò alla fine del 18esimo secolo a Parigi, in Francia, nel paese in cui la roulette era presente in forme molto simili a quella attuale già dall’inizio dello stesso secolo.

Molti storici pensano che la roulette derivi da una invenzione di Blaise Pascal, matematico e fisico, in una delle sue tante ricerche per la creazione di una macchina a moto perpetuo.

Un’altra curiosità è che all’inizio la roulette francese era a doppio zero, come l’attuale ruota americana. Ad introdurre il singolo zero, per il bene di tutti gli scommettitori, furono i fratelli François e Louis Blanc, francesi anch’essi. L’introduzione avvenne in un casinò tedesco, presso Bad Homburg.

Dall’altra parte dell’Oceano, prima di arrivare all’attuale forma di roulette con 38 numeri tra cui zero e doppio zero, gli statunitensi hanno proposto varie versioni, tra cui anche una con 28 numeri, due zeri e un’aquila americana (altro elemento a favore della casa).

Un’altra curiosità è che oggi grazie ad internet si può giocare alla roulette gratis, che offre la possibilità di giocare per puro divertimento e relax, senza rischiare nulla.

Miti della roulette

Nella roulette, a prescindere che si tratti della versione francese, europea o americana, la somma di tutti i numeri è pari a 666. Questo numero è comunemente conosciuto come il “Numero della Bestia”, ovvero del diavolo.

Per le dicerie popolari, è anche per questo elemento che la roulette piaccia così tanto. Si tratta ovviamente di folklore ma raramente ai tavoli qualcuno lo ricorda. Allo stesso modo, s’intende, di come quando si parla di altri numeri come il 13 e il 17.

Misteri della roulette

Sebbene l’attuale forma della roulette derivi con certezza dalle versioni francesi del 18esimo secolo, tuttavia l’origine del gioco inteso come ruota che gira ed un’eventuale pallina, si perdono nel tempo.

Infatti, c’è chi pensa sia stato portato in occidente da un monaco cinese e addirittura chi fa risalire questo gioco persino agli antichi romani, i quali avrebbero usato la ruota di un carro da guerra piazzata di lato e fatto girare su uno spazio di terreno sul quale erano tracciati dieci spazi. Anziché il pallino c’era una freccia e si attendeva di capire in quale delle sezioni sarebbe riuscita a bloccare. In pratica, molto simile alla “ruota della fortuna”, dalla quale la Roulette, comunque, non si distacca molto come concetto. Altri giochi simili, nel corso dei secoli, sono stati l’Hoca, il biribisso e l’EO.

Una cosa è certa: il gioco della roulette affascina ancora. I giocatori, negli ultimi anni, sono persino in crescita ed è diventato il secondo gioco più richiesto nei casinò terrestri e online dopo le slot machine.

Dating online, 7 siti d’incontri per conoscere persone single e trovare compagnia.

La traduzione secca dall’inglese è Incontri. Se parliamo di dating on line è evidente che l’incontro è di natura virtuale, almeno in un primo momento. Il dating online con le app di incontri, senza voler essere blasfemi o irrispettosi, è la variante moderna della messa della domenica, quando ci si recava in chiesa nella speranza di poter scambiare uno sguardo o un sospiro con lo spasimante di turno per poi eventualmente valutare se la corrispondenza di amorosi sensi avrebbe avuto un seguito.

Il dating online, ovviamente, è meno carico di aspettative e di cerimonialità.

Il “corteggiamento” virtuale basato essenzialmente sulle chat è per sua stessa natura, informale, veloce, superficiale, ma non per questo meno emotivamente coinvolgente.

Il luogo di incontro, ovviamente. è virtuale. Ed il sistema si è adeguato nel mettere a disposizione di chi è solo una considerevole quantità di strumenti.

Come conoscere persone single con i siti di dating.

I siti di dating online ormai si sprecano. Anche la loro affidabilità ed autorevolezza, spesso direttamente proporzionali a chi ne fa uso è da tenere in considerazione.

Per valutare queste caratteristiche bisogna tenere in considerazione alcune skill.

Prima fra tutte il numero di utenti registrati. Più un dating site è accorsato maggiori saranno le probabilità di riuscire nell’intento di conoscere le persone.

In seconda istanza va considerato il target. Se siete di mezza età, in cerca di compagnia o di un flirt, meglio sarebbe lasciar perdere Tinder, applicazione che spopola tra i tenn agers e i giovani fino a 25 anni.

Potreste, invece, avere una morale molto “scandinava” per usare un eufemismo di liberale o libertina, ed allora vi potrebbe interessare Victoria Milan.

I sette migliori siti di incontri per single.

Lovepedia

Lovepedia: il punto di forza è il fatto di essere gratuito. Ha 3 milioni di utenti. E’ di facile navigazione ed è strutturato per “Stanze”. E’ ampiamente recensito con una più che discreta valutazione

Come funziona Tinder

Tinder: è la app di incontri online più utilizzata al mondo. Ha un approccio molto social, è per lo più destinato ad un pubblico giovanissimo e consente anche di indivduare l’anima gemella nelle vicinanze. Si stima che Tinder abbia superato il milirado di foto “strisciate” (visualizzate) al giorno.

Come funziona Meetic

Se hai dai 30 ai 50 anni Meetic è il sito per incontri che fa per te. E’ riconosciuto quale luogo virtuale preferito dagli adulti in cerca di compagnia o che vogliono solo chiacchierare. Ma è talmente accerditato, ormai, che consente, grazie all’organizzazione di eventi reali, sotto l’egida del marchio, che offre l’occasione di passare dal virtuale all’incontro fisico, durante gli eventi che si spostanodalla rete al mondo reale.

Come funziona Badoo

Vanta circa mezzo milioni di utenti solo in Italia. Mai possibile che in mezzo a tanti cuori solitari non riusciate a trovarne uno tutto per voi? Ha una lunga storia alle spalle, è multilingue ed è di facile utilizzo.

Come funziona Victoria Milan

Victoria Milan: si accredita come un sito di incontri più spinti. Non lascia spazio all’immaginazione ed è il luogo virtuale per chi non disdegna, anzi, cerca scappatelle. Ed è a pagamento anche l’utilizzo. Vanta circa 6 milioni di utenti, ma la cifra ci sembra gonfiata. Difficile che si possano trovare tanti traditori impenitenti disposti a dichiararlo. Riuscirete nell’obiettivo che Victoria Milan vi garantisce? crediamo che ci siano metodi meno faticosi ed anche meno costosi, però se siete curiosi, potete dare una sbirciatina.

Come funziona Lovoo

Lovoo: La registrazione può essere effettuata anche tramite account di altri social. Nasce in Germania nel 2011, quindi ha un decennio di attività alle spalle. Semplicità ed immediatezza nell’utilizzo sono i punti di forza. Come gli latri ha una app per smartphone.

Adotta un ragazzo

Adottaunragazzo: Spazio all’audacia delle donne. in questo dating site è il sesso debole a farsi forte. Alle donne la chanche di farsi avanti e di scegliere, almeno nelle intenzioni. Si accredita anche con 27 milioni di coppie create.

Oltre i siti e le app, le diverse forme di dating

Per chi resta ancorato ad una visione più immanente dei rapporti di coppia o anche solo di amicizia, il dating event (eventi per single) è da preferire. Sono veri e propri incontri, feste, crociere, giochi, riunioni per chi è in cerca dell’anima gemella. Si svolgono in pub, ristornati, discoteche. Mal che dovesse andarvi vi potrete fare due birre.

Lo speed dating

Lo speed dating, come dice il termine, è tutto basato sulla velocità. In un luogo fisico, opportunamente allestito, i cercatori di anima gemella hanno un breve periodo di tempo per fare conoscenza. Solitamente 5 minuti o poco più. Se la comunicazione verbale e non verbale è il vostro forte è la tipologia che fa per voi. Esiste, ovviamente una versione on line che appunto prende il nome di Speed Dating Online.

Viene praticato nelle community dove occorre avere webcam per le videochat a tempo. Ovviamente bisogna registrarsi.

Lo slowdating

Opposto dello speed dating online è lo slowdating. La differenza sostanziale, oltre al tempo a disposizione, che può essere lunghissimo, sta nel fatto che prima ci si incontra di persona e poi si decide se la conoscenza, con tutta calma può essere trasferita online. Onestamente è una versione per timidi con poco senso. Ma esiste ed è praticata da sempre più persone che magari non riescono a tenere la conversazione de visu per troppo tempo

Single travels, sono un classico, i viaggi per single, soprattutto le crociere. Si condivide per diversi giorni lo stesso luogo, la nave in particolare, sapendo che tutti i presenti sono lì per lo stesso scopo, almeno la metà del lavoro è fatto.

Calendario Serie A 2021: le partite di calcio trasmesse da DAZN e Sky.

Con la riassegnazione dei diritti Tv per la trasmissione delle gare del campionato di calcio di serie A, viene rivoluzionato il palinsesto televisivo insieme a quello sportivo.

Turni infrasettimanali a parte, il programma delle gare della massima serie del campionato italiano di calcio prevede la distribuzione delle partite su tre giorni, dal sabato pomeriggio al lunedì sera.

Modifiche al palinsesto saranno previste in concomitanza con turni infrasettimanali o con le gare che vedranno le squadre italiane impegnate in Champions League, Europa League e Conference League.

Tutte le partite di calcio trasmesse da DAZN e Sky.

La piattaforma DAZN, esclusivista della serie A TIM, manderà in onda tutte e dieci le gare in programma ad ogni turno.

Su DAZN si potranno vedere, dunque, in esclusiva, l’anticipo del sabato pomeriggio alle 15 e quello in programma, sempre sabato pomeriggio alle 18.

La gara del sabato sera alle 20.45 sarà invece trasmessa in diretta in co-esclusiva sia sulla piattaforma DAZN che sul canale sport di SKY.

Anche il consueto lunch match della domenica alle 12.30 potrà essere visto su entrambi i canali.

Le altre cinque partite in programma la domenica, quattro alle ore 15 e il serale alle 20.45, saranno mandate in onda solo sulla piattaforma DAZN.

Il programma del fine settimana dedicato alla serie A sarà prolungato con il posticipo del lunedì sera che chiude ogni singola giornata alle 20.45: in questo caso, le gare saranno trasmesse in co-esclusiva sia su DAZN che su SKY.

Il programma definitivo delle gare del campionato di calcio 2021/2022 è venuto fuori dal sorteggio effettuato il 14 luglio 2021.

Un sorteggio che per la stagione 2021/2022 prevede una novità assoluta, vale a dire i gironi asimmetrici.

Le date del campionato di calcio della serie A TIM 2021/2022.

Il campionato di calcio della serie A TIM 2021/2022 prenderà il via domenica 22 agosto 2021 per concludersi domenica 22 maggio 2022.

La cremazione: una tradizione antica sempre più attuale

Le tradizioni del passato spesso vengono riprese ed attualizzate, in un percorso di riscoperta che può coinvolgere anche la concezione intima del termine della vita. Oggi, infatti, stiamo assistendo ad una notevole diffusione della scelta della cremazione, procedura molto diffusa nel passato.

I vantaggi della cremazione fra passato e presente

La pratica della cremazione era molto apprezzata nell’antichità per rendere onore ai defunti, per esempio presso le popolazioni degli Etruschi, dei Greci e dei Romani. Permetteva di soddisfare esigenze di diverso tipo. Il rito connesso alla cremazione era infatti ricco di significati profondi e consentiva di liberare lo spirito dal peso della corporeità. Inoltre, cremare il corpo aiutava ad arginare problematiche in ambito igienico e logistico, invece riscontrate con la sepoltura. Al giorno d’oggi, questi vantaggi sono ancora importanti, anche considerando il periodo di pandemia, fra la paura del contagio e l’aumento dei decessi che hanno caratterizzato la nostra quotidianità.

La scelta della cremazione oggi

Dopo un lungo periodo in cui la sepoltura sembrava essere in molti paesi quasi l’unica opzione possibile a causa di credenze religiose o pregiudizi, negli ultimi decenni la situazione è cambiata. Si è infatti delineato un netto aumento della scelta della cremazione, con un +1.300% negli ultimi 30 anni in Italia. Oltre 3 persone su 10 preferiscono ormai questa pratica e i numeri sono in continua ascesa: se nel 1995 le cremazioni erano 15.000, siamo recentemente arrivati a quota 194.000.

Per supportare le persone che desiderano portare avanti questa scelta, è nato il Registro Italiano Cremazioni, un’associazione legalmente riconosciuta, dedicata a diffondere i valori della cremazione e a renderne più semplice la realizzazione.

Come iscriversi al Registro Italiano Cremazioni

Grazie al Registro, è possibile affidare le proprie volontà di cremazione, dispersione o affido delle ceneri e avere la certezza che verranno esaudite, senza incorrere in possibili intromissioni. Associarsi al Registro Italiano Cremazioni è semplice e lo si può fare sia online, comodamente da casa, oppure recandosi presso uno degli sportelli del Registro presenti sul territorio nazionale.

La registrazione online avviene tramite la semplice compilazione di un modulo; a breve la procedura sarà ancora più veloce con l’attivazione del canale SPID, che permette un riconoscimento rapido dell’identità degli utenti.

In alternativa, è possibile recarsi direttamente presso uno degli oltre 200 sportelli diffusi sul territorio nazionale, presso le agenzie funebri associate al Registro, che possono essere facilmente localizzate sulla mappa presente sul sito del Registro.

In entrambi i casi, per finalizzare l’iscrizione viene richiesto il pagamento di una quota simbolica di 10 euro all’anno, per 20 anni al massimo o finché si è in vita.

Associarsi al Registro significa acquisire maggiore serenità nell’ambito di una tematica così personale. Si possono, infatti, esprimere i propri desideri in merito alla cremazione e alla gestione delle ceneri, optando per la dispersione oppure per l’affido dell’urna ad un familiare, nel rispetto delle normative regionali e comunali.

Affermare la propria libertà di scelta, in maniera indipendente e attuale, diventa facile e accessibile a tutti.