fbpx
Archivio Senza categoria

Chat Facebook fuori dal mobile: Messenger obbligatorio per tutti.

Un’altra novità dal mondo di Facebook sta facendo capolino. Se anche tu sei un assiduo utilizzatore di chat su sistemi iOS e Android troverai utile sapere che se vorrai continuare a chattare su Facebook dovrai aprire la app Facebook Messenger, che sarà separata rispetto al social network di Zuckerberg.

Dunque si avranno due applicazioni per due funzioni. In buona sostanza, la situazione che si delineerà sarà la seguente: l’app generica non consentirà più di scambiare messaggi e si dovrà usare necessariamente Facebook Messenger per rimanere in contatto con gli amici del social network più diffuso al mondo.

Questo cambiamento interesserà tanto i sistemi Android tanto quelli iOS.

Le uniche eccezioni dovrebbero riguardare gli utenti di smartphone Android di fascia bassa con poca RAM, i tablet, i Windows Phone e Facebook Paper, tutte casistiche nelle quali sarà ancora possibile, almeno per il momento, continuare a utilizzare il servizio di messaggistica all’interno dell’app Facebook.

Con l’app Facebook sarà dunque possibile continuare a pubblicare, commentare, taggare, caricare foto e video, ma per poter inviare messaggi in mobilità a un amico o a un gruppo di amici e per effettuare telefonate Voip bisognerà scaricare per forza Facebook Messenger.

Giusto o sbagliato che sia, un cambiamento in questo senso era nell’aria. È infatti già da novembre 2013 che un aggiornamento di Facebook aveva lasciato comprendere come Zuckerberg volesse orientarsi verso Messenger.

A questo punto una domanda sorge spontanea: perché spendere ben 19 miliardi di dollari per acquistare Whatsapp, che ne ricopre la stessa funzione, e poi spingere Messenger?

La risposta non sembra difficile, se si pensa solo a quanti nuovi smartphone vengono costantemente acquistati in ogni parte del pianeta oppure semplicemente al fatto che, giusto per fare un esempio, Whatsapp non è disponibile su sistema operativo Mozilla Firefox Os in via di diffusione.

Dunque l’intento è chiaro: aggredire il mercato con le due app tra le più conosciute e utilizzate al mondo.

Agli utenti non resta che rimanere aggiornati e adeguarsi ai cambiamenti, almeno finché rimarrà tutto (quasi) totalmente gratuito.

Spot

Spot

Spot