Cucina e Gastronomia

Chiude con un successo il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo a Trapani.

Chiude oggi, un Festival che è da molti anni la felicità di tutti gli amanti della cucina nordafricana: il “Cous Cous Fest” di San Vito Lo Capo (Trapani). Quello di quest’anno è stato un successo senza precedenti, l’organizzazione parla di circa 250mila visitatori, provenienti anche dall’estero.

Il Festival internazionale è teso, ogni anno, a promuovere l’integrazione culturale e rappresenta un importante appuntamento giunto ormai alla quindicesima edizione. D’altronde il protagonista indiscusso dell’evento, il cous cous appunto, è un piatto ricco di storia ed elemento di sintesi tra culture diverse, simbolo di apertura e di contaminazione.

Cinque giorni in cui sono stati chiamati a raccolta nove Paesi dell’area mediterranea pronti a sfidarsi ai fornelli a suon di ricette a base di cous cous.

L’evento ha coinvolto nella sua atmosfera festosa tutti i paesi dell’area euro-mediterranea e non solo: chef di Costa d’Avorio, Egitto, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal e Tunisia sono stati alle prese con le ricette più originali, affiancati da importanti momenti di approfondimento dedicati ai cous cous nel mondo, da incontri culturali e concerti. Ricordiamo che in Sicilia, a Trapani in particolare e nelle zone limitrofe come Favignana e San Vito lo Capo appunto, questo piatto è divenuto di uso quasi quotidiano.

Il cuscus trapanese è infatti inserito tra i Prodotti agroalimentari tradizionali siciliani, riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, su proposta della Regione Sicilia.

 


Spot

Spot

Spot