Attualità

Connessione internet: quali differenze tra fibra ottica e adsl? La diffusione in Campania

Le connessioni internet sono sempre più avanzate, veloci e performanti. Ed il futuro punta dritto verso connessioni sempre più veloci e con un bassissimo tasso di latenza. Tra le varie connessioni c’è però una differenza sostanziale.  La fibra ottica è una tecnologia di trasmissione dei dati che ti permette di raggiungere alte velocità quando navighi su internet. È una delle tecnologie disponibili per avere una connessione internet a casa o in ufficio in alternativa al cavo in rame dell’ADSL.

Ormai tutti i principali operatori telefonici italiani propongono offerte Fibra Ottica per navigare fino a 1 Giga in download, in base alla copertura raggiunta dal servizio nella tua zona di residenza.

Dal punto di vista tecnico la fibra ottica si basa su un cavo in cui passano sottilissimi filamenti trasparenti di fibra di vetro o di polimeri plastici, spessi più o meno come un capello, che vengono protetti da una copertura in gomma. Rispetto a un normale cavo di rame, detto doppino, un cavo in Fibra riesce a trasportare molti più dati per unità di tempo e a essere anche più leggero, più flessibile e immune a disturbi elettrici o dovuti alle condizione atmosferiche (come le variazioni di temperatura).

Grazie a queste sue particolari caratteristiche, la Fibra Ottica è in grado di ottenere performance nettamente superiori rispetto a quelle offerte dal classico doppino in rame. Infatti, un trasferimento di dati tramite cavo in Fibra Ottica non solo non subisce una diminuzione del segnale nella distanza, ma è in grado di sfruttare una banda di frequenze molto più elevata permettendo di raggiungere velocità di trasmissione potenzialmente elevate.

L’ADSL

A differenza della fibra, la connessione ADSL ( dall’acronimo Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia che permette la trasmissione di dati a velocità elevate su linee telefoniche tradizionali, utilizzabile per la connessione ad Internet. ADSL è una tecnologia asimmetrica, cioè fornisce velocità differenti in trasmissione (fino a 4096 KBPS) e in ricezione (fino a 24 Mbps – Megabit per secondo), velocità nettamente superiori a quelle ottenibili con un tradizionale Modem 56K.

La linea ADSL è una linea dedicata, per cui la linea telefonica rimane libera anche durante la connessione. L’utente paga un canone di noleggio e non una tariffazione a tempo, potendo così rimanere anche perennemente connesso ad Internet.

Le differenze

Diverse sono le differenze che intercorrono tra ADSL e Fibra Ottica, sia per quanto riguarda le prestazioni che la copertura del servizio Il fattore principale che va ad influenzare le prestazioni di una connessione ad Internet a casa è, senza alcun dubbio, la tecnologia con cui viene realizzata la connessione. In questi ultimi anni, in Italia, si è registrata una forte crescita della diffusione della banda ultra-larga con un numero sempre maggiore di unità abitative che sono oggi raggiunte dalla fibra ottica, la tecnologia che garantisce le migliori prestazioni in termini di velocità di navigazione e tempi di latenza.

Il fattore più importante è quello della velocità di connessione. L’ADSL, diffusa in Italia da moltissimi anni, è una tecnologia ormai obsoleta che offre prestazioni ben al di sotto delle prestazioni che può garantire una connessione in fibra ottica. Sia per quanto riguarda la velocità trasmissione dati che il tempo di latenza, un fattore molto importante per giudicare la qualità della connessione, risultano essere decisamente migliori quando si naviga con una rete in fibra ottica rispetto ad una rete ADSL. Ad oggi, grazie alla crescente diffusione del 4G, anche le reti mobili garantiscono prestazioni nettamente superiori alle reti ADSL con l’unico vincolo che la connessione è limitata per quanto riguarda i volumi di traffico (le connessioni illimitate nel mercato di telefonia mobile sono rate e generalmente molto costose).

La situazione in Campania

Avere a disposizione una connessione stabile e veloce, che consenta a tutti, imprese e privati, di portare avanti le proprie attività, comprese quelle di svago come guardare un evento sportivo in streaming sul proprio dispositivo oppure fare una partita a roulette, a carte.  è uno dei principali obiettivi della pubblica amministrazione. In Campania la situazione è piuttosto florida da questo punto di vista. La regione, infatti, risulta tra quelle più coperte dalle nuove tecnologie di connessioni internet. Nel 2022 la copertura Ngn dovrebbe arrivare superare l’89% dei civici in ogni regione ed oltre il 91% in Toscana (91,2%), Sardegna (91,1%) e Abruzzo (91%). Le due regioni maggiormente raggiunte saranno Emilia Romagna (93,1%) e Calabria (92,4%). Tuttavia quest’ultima beneficerà in misura minore della copertura VHCN (32,3%), così come Basilicata (50,1%) e Sardegna (58,8%). Tutte le altre regioni presenteranno tassi di copertura superiori al 72%. Quelle in assoluto più coperte dalle reti ad alta capacità, tutte sopra quota 86% dei civici raggiunti, sono Umbria (89,5%), Friuli Venezia Giulia (88,6%), Marche (88,6%), Veneto (86,3%) e Trentino Alto Adige (86,1%).