Arte e Cultura

Dimore storiche, Napoli apre le porte dei suoi tesori.

In occasione della Giornata Nazionale delle Dimore Storiche, a Napoli sarà possibile visitare gratuitamente nove palazzi, tra i più esclusivi nel panorama nazionale.

Nove dimore storiche della Campania aprono gratuitamente le proprie porte al pubblico: uno scrigno pieno di tesori da visitare in occasione della Giornata Nazionale delle Dimore Storiche organizzata per celebrare l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale istituito dall’Unione Europea.

L’appuntamento è per sabato 26 maggio 2018, dalle 10 alle 17.30, in nove palazzi storici della città di Napoli.

  • Palazzo Pignatelli di Monteleone (calata Trinità Maggiore, 53 – piazza del Gesù)
  • Palazzo Venezia (via Benedetto Croce,19)
  • Palazzo Diomede Carafa Sant’Angelo (via San Biagio dei Librai, 121)
  • Palazzo Marigliano (via San Biagio dei Librai, 39)
  • Palazzo Mormando (via San Gregorio Armeno, 28)
  • Palazzo Filippo I d’Angiò (via dei Tribunali, 339)
  • Villa Ruffo di Calabria (via Crispi, 69)
  • Palazzo Calà Ulloa di Motta e Bagnara (Riviera di Chiaia, 215)
  • Palazzo Saluzzo di Corigliano (piazza San Domenico Maggiore, 12) – aperto fino alle ore 14.30

Accompagnati da architetti, laureandi in Beni Culturali presso il Suor Orsola Benincasa e studenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, che forniranno spiegazioni e leggende relative alle dimore, i visitatori potranno varcare la soglia dei Palazzi, apprezzandone l’appartenenza ed il legame alla storia cittadina e nazionale.

Le dimore storiche di Napoli.

La storia dei proprietari, i Pignatelli, i Carafa, i Marigliano, che si fonde con quella di ospiti illustri, quali Degas e Casanova a Palazzo Monteleone, Caravaggio a palazzo Bagnara Ulloa, Gustaw Herling a villa Ruffo,  la stratificazione degli stili, che si esprime nel variare degli elementi architettonici, come l’arco ribassato di palazzo Mormando, il rinascimento di palazzo Marigliano, lo straordinario portale, recentemente restaurato con gli stemmi della famiglia Carafa presso il palazzo della “capa di cavallo”.

Quest’anno inoltre sarà possibile visitare il palazzo dell’“Imperatore di Costantinopoli” Filippo I d’Angiò, alla scoperta del portale più antico della città, il giardino nascosto di palazzo Venezia paradigmatico dei giardini napoletani nel cuore della città di pietra e villa Ruffo di Calabria, con il suo panorama mozzafiato.

Arte, Architettura e Storia si uniscono nei cortili dei palazzi, alla presenza di artigiani di eccellenza, per proporre l’incontro di tradizione e innovazione, per incuriosire i visitatori ed avvicinarli allo spirito dell’associazione Dimore Storiche Italiane, che si propone di aiutare i proprietari dei palazzi storici e vincolati nella tutela, cura e mantenimento di ciò che costituisce il cuore dei centri storici e del paesaggio in Italia.

L’ingresso è libero e non è necessaria alcuna prenotazione.

 


Spot

Spot

Spot