Home » Arte e Cultura » Domenica, Musei Gratis aperti in Campania. AGGIORNATO
scavi di ercolano
scavi di ercolano

Domenica, Musei Gratis aperti in Campania. AGGIORNATO

Dagli Scavi di Pompei alla Reggia di Caserta, da Palazzo Reale a Castel Sant'Elmo a Napoli ecco come entrare gratis nei musei della Campania.

Cerchi idee per trascorrere una domenica di svago e magari concederti una gita fuori porta nel fine settimana ?

Pensa ad una full immersion nella storia, nell’arte e nella cultura, scegliendo tra le decine di luoghi in Campania che aderiscono all’iniziativa #DomenicalMuseo promossa dal Ministero per i Beni Culturali.

Domenica 4 novembre 2018, torna l’appuntamento che prevede, per la prima domenica del mese, l’apertura gratuita dei musei e delle aree archeologiche del Paese, in applicazione di quanto disposto dal decreto Franceschini in vigore dal mese di luglio del 2014.





Musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali saranno accessibili a costo zero. In Campania sono decine le opportunità per vivere una giornata all’insegna della cultura e della conoscenza delle proprie origini.

Potrebbe essere l’ultima occasione per usufruire della possibilità di visitare Gratis aree archeologiche e musei in Campania.

Il Nuovo Governo, a trazione lega e 5 stelle, ha annunciato la fine di questa iniziativa o quanto meno una rimodulazione dell’evento. Ne sapremo qualcosa di più nelle prossime settimane.



Ecco alcune delle opportunità per godere a costo zero delle ricchezze del patrimonio culturale della Campania.

Dopo aver ascoltato in tv, alcune dichiarazioni di esponenti del nuovo governo che mettevano in discussione l’iniziativa, consigliamo, comunque, di contattare sempre il museo o luogo culturale prima di recarsi sul posto. Orari ed Aperture straordinarie potrebbero cambiare senza preavviso.

Musei gratis in provincia di Napoli

A Napoli sono numerosi i luoghi ricchi di interesse storico e artistico da poter visitare gratuitamente: l’Appartamento storico a Palazzo Reale, Castel Sant’Elmo con il Museo del Novecento, la Certosa di San Martino, il Complesso termale di via Terracina, il Museo Archeologico Nazionale, il Museo di Capodimonte, il Museo di San Martino, il Parco di Capodimonte, il Parco e la Tomba di VirgilioVilla Floridiana e Villa Pignatelli.

Anche in provincia sono numerosi i musei e i parchi archeologici aperti al pubblico la prima domenica del mese.

A cominciare dagli Scavi di Pompei, di Ercolano e di Stabia fino alla Villa di Poppea a Torre Annunziata e alla Villa di Arianna a Castellammare di Stabia, passando per l’Anfiteatro Flavio e il Tempio di Serapide a Pozzuoli, l’Antiquarium nazionale di Boscoreale, il Tempio di Diana e il Teatro romano di Miseno a Bacoli, i parchi archeologici di Baia e di Cuma.

Per quanto riguarda gli scavi di Pompei, l’accesso al sito sarà consentito nelle seguenti fasce orarie:



  • dalle ore 8.30 alle ore 12,30
  • e dalle 14,30 in poi

Il Parco archeologico di Pompei si riserva di anticipare la chiusura al raggiungimento di 15.000 visitatori nella prima fascia oraria, per impedire  una eccessiva presenza simultanea di turisti, che potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza e la salvaguardia del sito. Per garantire la massima salvaguardia del sito e al contempo la fruizione ottimale dello stesso, si provvederà a incentivare le misure di sicurezza, con il potenziamento e la ridistribuzione del servizio di vigilanza.

Spot

Spot

Spot

Seguici

Agendaonline.it sui social network

Spot

Booking.com
}