Home » Il Sigillo » Notaio Pesiri: Ecco come cambia il mercato della casa ad Avellino.

Notaio Pesiri: Ecco come cambia il mercato della casa ad Avellino.

Il notaio Fabrizio Pesiri conferma la crescita del mercato immobiliare ad Avellino: tra nuove agevolazioni fiscali e le diverse esigenze di chi compra casa.

L’economia italiana torna a mettersi in movimento ed i primi, incoraggianti segnali, arrivano dal settore immobiliare che, da sempre, è uno dei mercati di riferimento, utile a capire i comportamenti (e, dunque, le disponibilità) degli italiani.

Un mercato in netta ripresa, che ha ricominciato a dare segnali positivi già dalla seconda metà del 2014 e che nel 2017, come testimoniato dal rapporto dell’Osservatorio del Mercato Immboliare dell’Agenzia delle Entrate, restituisce un rinnovato clima di fiducia da parte delle famiglie e degli imprenditori.

Per comprendere cosa sta accadendo in Campania e ad Avellino, abbiamo ascoltato il notaio Fabrizio Pesiri, che dal suo privilegiato punto di osservazione conferma il trend positivo.





“I dati sono tutti caratterizzati dal segno più – osserva il notaio Pesiri– a cominciare da quelli relativi alle compravendite di negozi ed uffici che, rispetto al 2016, fanno registrare un incremento del 6,2%. Anche il settore residenziale cresce: qui l’incremento è più basso, pari al 3,8%, con picchi in Campania del 13,6% che si registrano a Napoli ed in alcune località turistiche”.

Come vanno letti i dati da lei menzionati?

“Intanto, sono la plastica testimonianza di un clima di rinnovata fiducia. A completare il quadro, poi, vanno considerati sia gli incentivi previsti dalla legge di bilancio 2017 sia, soprattutto, i convenienti tassi che si registrano in questa fase storica per chi accede ad un mutuo per l’acquisto della prima casa. Nonostante il legislatore abbia previsto nuovi strumenti a disposizione del cittadino, penso al rent to buy o al leasing abitativo, soprattutto ad Avellino chi acquista casa lo fa rivolgendosi al finanziamento bancario tradizionale”.



Quanta attenzione si registra tra gli acquirenti avellinesi verso questi nuovi strumenti che prevedono agevolazioni per l’acquisto di una casa?

“Soprattutto intorno al rent to buy c’è molta curiosità, anche se come strumento viene ancora poco utilizzato. D’altronde in questo momento, come dicevamo prima, i mutui appaiono particolarmente convenienti. Il rent to buy somiglia ad una vendita a rate: si stipula un contratto d’affitto in funzione di una eventuale futura compravendita, che non è obbligatoria ma è un’opzione collegata al contratto d’affitto. Molto utilizzato, invece, anche in Irpinia risulta il Fondo di Garanzia che consente di accedere ad un mutuo anche a chi non è in possesso delle normali garanzie richieste di solito dagli istituti bancari. Una soluzione, quest’ultima, molto utilizzata dai giovani”.

Quando si decide di compiere il grande passo per l’acquisto di una casa, come muoversi per essere certi di fare la scelta giusta?

“Il suggerimento che mi sento di dare è quello di consultare l’opuscolo realizzato dal Ministero dell’Economia e Finanza dedicato proprio alla compravendita delle case. E’ di facile consultazione e può essere scaricato dal sito www.casa.governo.it per giungere preparati all’acquisto”.

Focalizzando l’attenzione su ciò che accade ad Avellino, come è cambiato e come sta cambiando il mercato immobiliare?

“Indubbiamente si registra una sensibilità diversa nei confronti del bene immobile. Fino a qualche anno fa, la casa era considerato un bene, per così dire, statico, nel senso che andava sempre bene come forma di investimento. I nonni, i genitori investivano per i figli senza pensarci troppo. Oggi, invece, con il crescente peso fiscale ed i costi di manutenzione elevati, il bene immobile diventa funzionale ad esigenze specifiche”.



In che senso?

“A pesare sulle scelte è soprattutto l’incertezza lavorativa legata ai giovani. Oggi, un padre, non sapendo dove nel medio lungo termine vivrà il figlio difficilmente investe in un immobile. Se un giovane si trasferisce per motivi di studio e di lavoro in un’altra città, se proprio devo sostenerlo l’acquisto della casa non lo faccio certo ad Avellino ma dove immagino che mio figlio vivrà. Oggi la residenza dipende dal lavoro e non viceversa”.

Rispetto a qualche anno fa si sono anche modificate le esigenze abitative, con sempre più famiglie mononucleari o comunque con un numero di figli limitato. Quanto incidono sui comportamenti d’acquisto tali nuove esigenze?

“Tanto. Oggi esistono realtà che non possono essere trascurate, penso ai separati, ai single che hanno necessità di avere mini appartamenti. E, poi, molti giovani professionisti hanno l’esigenza di condividere gli spazi, con il coworking che diventa sempre più dominante. Per non dimenticare l’esplosione del fenomeno bed&breakfast o anche delle esigenze legate all’accoglienza degli immigrati. Ecco, diciamo che esistono tante nuove forme di vedere l’immobile. E per far fronte a ciò è necessario che in primis i costruttori siano preparati a rispondere alle nuove necessità”.

Solo per Te, le offerte esclusive di oggi. Booking.com
}