villa campolieto ercolano
Attualità

Giornate Fai di Primavera 2021 in Campania: il programma.

Il 15 e 16 maggio 2021 tornano le Giornate FAI di Primavera: la Campania apre lo scrigno dei suoi tesori per accogliere i visitatori in luoghi ricchi di fascino

Le Giornate FAI sono tra i più importanti appuntamenti di piazza dedicati alla cultura italiana. Un momento atteso da milioni di italiani, cui viene offerta la possibilità di scoprire, in uno o più week end, i grandi tesori della cultura e dell’arte, spesso nascosti alla vista.

La Campania, con il suo ricco patrimonio, come sempre farà la sua parte.

Il programma delle Giornate Fai in Campania.

L’appuntamento di maggio con le bellezze della Campania, quest’anno cadrà il 15 e 16 maggio 2021, fine settimana in cui sarà possibile visitare i siti aperti per l’occasione. Trenta i siti aperti eccezionalmente nel terzo week end di maggio, grazie all’impegno del Fondo per l’Ambiente Italiano.

Per assicurare che le giornate del Fai di Primavera si svolgano nella massima sicurezza, è obbligatorio prenotare le visite direttamente sul sito www.giornatefai.it.

Ogni visita guidata sarà eseguita nel rispetto delle misure anti-Covid.

Programma Giornata FAI 2021 a Napoli.

Numerosi i siti visitabili a Napoli e provincia.

In città saranno aperti il Complesso Monumentale di San Nicola da Tolentino e il Parco Letterario di Nisida uno dei più suggestivi parchi letterari italiani. Da non perdere la passeggiata tra la Grotta di Seiano e il Parco Archeologico del Pausilypon,  tra la piana di Coroglio e la Baia di Trentaremi, uno degli scorci più affascinanti della Baia di Napoli, dove poter ammirare i resti del Teatro, dell’Odeion e quelli dell’antica Villa di Publio Velio Pollione.

A Ercolano,  il FAI invita a visitare uno dei luoghi più belli della Campania, Villa Campolieto, che tra le ville vesuviane è senza dubbio tra le più attraenti.

Sempre in provincia di Napoli il Fai invita alla Passeggiata Misenate, a Bacoli, per un viaggio sotterraneo nella storia di questi luoghi unici. A Quarto, invece, si va alla scoperta dell’antica Necropoli visitando il monumento di epoca romana noto come la Fescina.

Entro il 14 maggio si potrà, infine, prenotare la viista alla Baia di Ieranto, a Massa Lubrense, per una spettacolare passeggiata fino alla estremità della Penisola Sorrentina.

Programma Giornata FAI 2021 a Salerno.

In provincia di Salerno, le Giornate FAI di Primavera 2021 accendono i riflettori sulla Costiera Amalfitana ed alcuni dei suoi gioielli.

Nei due week end dedicati alle bellezze nascoste sarà possibile visitare la il Monastero di San Lorenzo al Piano ad Amalfi, il Chiostro Moresco dell’Hotel Luna a la Chiesa di Sant’Antonio sempre ad Amalfi, il Conservatorio di Santa Rosalia ad Atrani dove sarà possibile effettuare anche l’escursione “Andar per Monasteri”.

Due i luoghi visitabili a Salerno: l’Aula cultuale di Palazzo Pedace, sede del Fai, con la mostra di Pietro Lista “Morandiane Arlecchine” e la Pinacoteca Provinciale a Palazzo Pinto con la mostra “A Sud del Barocco”.

A Baronissi, infine, sarà aperta la bellissima Villa Farina la dimora di una storica famiglia del posto.

Programma Giornate FAI di Primavera 2021 a Avellino.

In provincia di Avellino due sono i siti da visitare in occasione delle Giornate del Fai di Primavera 2021: Il Complesso Monumentale di Palazzo Filangieri a Lapio ed il Borgo di Castelvetere, uno dei centri storici più caratteristici di tutta l’Irpinia.

Programma Giornata FAI di Primavera 2021 a Caserta.

In provincia di Caserta, diversi gli appuntamenti in programma in occasione delle Giornate Fai di Primavera 2021.

Oltre all’apertura del Parco delle Sorgenti Ferrarelle, a Riardo saranno visitabili il Castello, la Chiesa di San Leonardo e la Cappella della Madonna della Stella.

A Pietramelara, invece, il Fai organizza visita guidata al Centro Storico e alla Torre Medioevale.

Programma Giornata FAI 2021 a Benevento.

A Benevento, diversi gli appuntamenti in programma in occasione delle giornate Fai di Primavera 2021.

Su prenotazione potranno essere visitate la Basilica della Madonna delle Grazie, la Biblioteca “Le Grazie”, la Chiesa di Santa Clementina, la Chiesa dei Santo Cosma e Damiano, il Parco archeologico naturalistico Cellarulo, gli Scavu Archeologici di Santa Clementina e il Tiro a Segno Nazionale.