Arte e Cultura

Graham Sutherland in mostra a Traversetolo, Parma

Considerato, alla pari dell’amico-rivale Francis Bacon, uno dei capiscuola della pittura britannica contemporanea, Graham Sutherland è celebrato a Mamiano di Traversetolo (Parma) con una mostra di opere, provenienti da collezioni riservate e in parte mai esposte al pubblico, che documentano il suo percorso d’artista.

Dall’8 settembre al 9 dicembre 2012, presso la Fondazione Magnani Rocca, è in programma una grande esposizione dei lavori del pittore londinese come mancava in Italia da svariati anni dal titolo “Sutherland. Il pittore che smascherò la natura”.

Osservando la sua attività artistica, è facile notare come l’interesse per la natura fosse da subito presente nei suoi dipinti. In particolare, verso i paesaggi del Galles.

L’intento di Sutherland è rivelare la verità che si trova dietro alle cose, e ciò attraverso il potente mezzo della pittura.

È così che egli si dedica a rappresentare frammenti di natura destrutturata, reinterpretata, privata della sua riconoscibilità comune e presentata come una fluida identità che nasconde la propria vera ed effettiva essenza.

Nei saloni della “Villa dei Capolavori”, accanto a opere di Tiziano, Rubens, Van Dyck, Goya, Monet, Renoir e molti altri ancora, trovano quindi spazio e profilo identitario anche i lavori di Sutherland.

La mostra, a cura di Stefano Roffi, è corredata da un ricco catalogo, impreziosito da un ampio saggio di Martin Hammer, docente presso la University of Kent e consulente scientifico della Tate Britain di Londra, attualmente il più accreditato studioso internazionale dell’artista.

Informazioni: Fondazione Magnani Rocca, 0521 848327 / 848148.