chef stellati

I ristoranti stellati della Campania secondo la Guida Michelin 2021.

Con 44 ristoranti stellati, di cui tre al primo riconoscimento assoluto, la Campania si conferma ai vertici nazionali del buon gusto secondo la prestigiosa Guida Michelin 2021, considerata il vero punto di riferimento per la valutazione della qualità della ristorazione in Italia.

Come ogni anno, era tanta la curiosità per conoscere i verdetti dei critici della guida rossa, che hanno assegnato complessivamente 371 stelle.

I tre nuovi stellati in Campania sono gli chef del Relais Blu a Massa Lubrense (Alberto Annarumma), Re Santi e Leoni di Nola (Luigi Salomone) e Lorelei di Sorrento (Ciro Sicignano).

A fare la parte del leone, anche quest’anno è stata la Lombardia con 59 stelle assegnate, seguita nella speciale classifica di regione più stellata, dal Piemonte (46) e dalla Campania, che si conferma in grossa crescita, con 6 ristoranti che hanno raggiunto la doppia stelle e tre new entry tra i migliori ristoranti d’Italia.

Due le stelle perse dalla Campania rispetto allo scorso anno, sono quelle di Il Riccio di Capri e Casa del Nonno 13 di Mercato San Severino.

Le cucine “bistellate” in Campania sono tutte in provincia di Napoli.

Il riconoscimento più ambito è stato confermato alla Taverna Estia di Brusciano, all’Olivo di Anacapri, ai Quattro Passi di Nerano, alla Torre del Saracino di Vico Equense e a Don Alfonso 1860 a Sant’Agata sui Due Golfi, al Denì Maison di Ischia.

Ristoranti Stellati Avellino

In provincia di Avellino c’è solo un ristorante stellato, l’Oasis Sapori Antichi di Vallesaccarda della famiglia Fuschetto, che si conferma ai massimi livelli della qualità gastronomica.

Ristoranti Stellati a Benevento e Caserta.

Nel Sannio, la stella della Locanda del Borgo si aggiunge a quella del Kresios: entrambi i ristoranti stellati si trovano a Telese Terme. In Terra di Lavoro successo confermato per Le Colonne di Caserta.

Ristoranti Stellati a Napoli.

Tra i ristoranti della provincia di Napoli, una stella se la sono aggiudicata, oltre alle tre new entry, il Caracol di Bacoli, Le Monzù e Mammà a Capri, Piazzetta Milù a Castellammare di Stabia, La Tuga a Ischia, Indaco a Lacco Ameno, Taverna del Capitano a Massa Lubrense, George Restaurant, Il Comandante, Palazzo Petrucci e Veritas a Napoli, President a Pompei, Sud a Quarto, Don Geppi a Sant’Agnello, Il Buco e Terrazza Bosquet a Sorrento, Josè Restaurant a Torre del Greco, Antica Osteria Nonna Rosa e Maxi a Vico Equense.

Ristoranti Stellati a Salerno.

Numerose le stelle anche in provincia di SalernoGlicine e La Caravella dal 1959 ad Amalfi, Le Trabe e Osteria Arbustico a Capaccio Paestum, Il Refettorio a Conca dei Marini, Il Papavero a Eboli, Il Faro di Capo d’Orso a Maiori, La Serra e Zass a Positano, Il Flauto di Pan e Rossellinis a Ravello e Re Maurì a Salerno.