fbpx
In mostra a Parigi "Degas e il nudo"
"Degas e il nudo"
Arte e Cultura

I nudi di Degas in mostra al Museo d’Orsay di Parigi

1

C’è tempo fino al prossimo 1 luglio 2012 per ammirare la più grande retrospettiva che la città di Parigi dedica ad uno dei padri dell’Impressionismo, Edgar Degas.

Ad ospitare la mostra è il  Musée d’Orsay di Parigi che dopo aver aperto le sue porte sulle opere di Claude Monet e Edouard Manet dedica un nuovo appuntamento ad un altro grande esponente della pittura francese.

[wp_bannerize group=”news_2″] “Degas e il nudo” è il titolo della mostra che attraversa tutta la storia artistica di Degas, dai suoi primi studi accademici fino alla maturità.  L’esposizione mette in evidenza la grandezza dell’”esteta” nel riprodurre nudi utilizzando le più svariate tecniche, dalla pittura al disegno, dalla stampa alla scultura. I capolavori di Degas restano quelli legati all’uso del pastello, come il celebre “Dopo il bagno, donna che si asciuga la nuca” o “La tinozza”. Una tecnica, quella del pastello, che il pittore parigino, negli anni, affina sempre più raggiungendo livelli espressivi incredibili.

I nudi sono stati una delle più grandi passioni di Degas, insieme ai cavalli e alle ballerine, principali soggetti delle sue opere.

La mostra “Degas e il nudo” del Museo d’Orsay di Parigi  è stata allestita in collaborazione con due dei più grandi musei americani, il Metropolitan Museum of Art di New York e l’Art Institute di Chicago. In esposizione anche una collezione di opere grafiche di Degas che raramente sono visitabili dal pubblico per il loro non perfetto stato di conservazione.

Tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 Degas è stato uno degli autori più prolifici, come testimonia la presenza di suo opere in oltre 30 musei in tutto il mondo, dal Guggenheim di New York all’Hermitage di San Pietroburgo, dalla National Gallery di Londra al Moma di New York.

Anche in Italia è possibile ammirare alcune opere di Degas, conservate alla Reggia di Caserta e alla Galleria Nazionale di arte moderna e contemporanea di Roma. 


Spot

Spot

Spot