fbpx
Salute e Benessere

I vantaggi della dieta mediterranea contro il rischio diabete

Non è una sorpresa constatare che anche nuovi recenti studi sull’alimentazione decretino la dieta mediterranea quale toccasana imbattibile per raggiungere e mantenere il benessere fisico e un ottimale stato di salute.

Acclamata e riconosciuta in tutto il mondo come esempio di stile alimentare e, in generale, come stile di vita dotato di elevate proprietà salutari, la dieta mediterranea riesce a coniugare il piacere della cucina al benessere personale.

A ritornare sull’argomento, rimarcandone i vantaggi, questa volta è uno studio scientifico greco condotto dai ricercatori dell’Atene Harokopio University. Quali sono stati i campi d’indagine specifici? Le correlazioni di questo stile alimentare con i rischi diabete.

Attraverso i risultati ottenuti su un campione di persone sane che aveva aderito alla dieta mediterranea, si è giunti alla conclusione che in queste il rischio di diabete risultava ridotto del 21% rispetto alle persone del gruppo di controllo.

E ancora, nel campione di persone a rischio malattie cardiovascolari la possibilità di incorrere nel diabete si riduceva ulteriormente (ben il 27%), sempre rispetto a coloro che facevano parte del gruppo di controllo che conduceva altri regimi dietetici ritenuti comunque sani.

Indipendentemente da fattori e variabili quali il sesso, l’età o la razza, l’adesione alla dieta mediterranea contribuirebbe dunque a prevenire lo sviluppo del diabete.

L’aspetto più interessante e incoraggiante, emerso da questo studio, risiede nel fatto che ciò è possibile non solo nelle persone sane ma anche in quelle già ritenute ad alto rischio malattie cardiovascolari.

Il principio che è alla base della dieta mediterranea che, ricordiamo, non rappresenta solo un regime alimentare ma tutto un insieme di comportamenti, un vero e proprio stile di vita, è rappresentato da un’alimentazione basata sui prodotti della natura e su modelli alimentari tradizionali, come cereali, frutta fresca, verdura, ortaggi e legumi.

Per il suo alto valore culturale e per i riconosciuti effetti benefici alla salute, nel 2010 la dieta mediterranea è stata inclusa nella lista dei Patrimoni Culturali Immateriali dell’Umanità dall’Unesco.

Claudia Mercaldo

Claudia Mercaldo

Giornalista pubblicista, laureata in scienze della comunicazione presso l'Università di Torino, collabora da diversi anni con Agendaonline.it

Spot

Spot

Spot

Share via