Arte e Cultura

In libreria “Latte Acido” un romanzo di Rossella Luongo

Dopo anni di attenzione ai “fatti quotidiani” della vita, Rossella Luongo trova la giusta chiave per definire il suo primo romanzo: “Latte acido”, pubblicato per Edizioni della Sera di Roma. Cronache intense e drammatiche del Sud si stemperano in toni composti e appassionati, a tratti lirici, attraverso valori e sentimenti comuni: l’amicizia, l’amore, la ricerca e la speranza di una stabilità emotiva, l’obbligatorietà di “diventare grandi”. Una sorta di reportage narrativo sulle storie giovanili degli anni novanta: dalle prime scoperte tra infanzie difficili e adolescenze inquiete, ai primi dolori tra delusioni, compromessi e lutti importanti. Rossella Luongo propone lo spaccato di una gioventù disagiata, destabilizzata e priva di progetti, sullo sfondo di una “Irpinia rigogliosa”, in un viaggio attraverso la memoria delle tradizioni campane e attraverso i “sogni bucati” di un gruppo di liceali che si affaccia ai doveri della maturità. Una storia raccontata con sincerità e consapevolezza, intimamente.

La trama: Roberto si trasferisce a Bologna per lavoro. Ad aspettarlo c’è Francesca, amica d’infanzia, che lo aiuterà a risollevarsi da un passato torbido e doloroso con lo scambio di una dolce “promessa”. Una cronaca di eventi si incastra fino a diventare la denuncia sociale del giovane: dalla solitudine e l’abbandono di un’infanzia negata a un’adolescenza traumatica; dalla relazione incompiuta con sua madre, e contorta con le suore “sconsacrate” del collegio, a quella devastante con la nonna psicopatica che l’ha sottoposto a inconfessabili “giochi”. Dopo il distacco dalle sue radici, la morte del padre e il conseguimento di una laurea sofferta, Roberto si trova da solo di fronte alle difficoltà e attraversa una crisi di identità, che lo spinge a verificare la sua identità sessuale. Sentendosi smodatamente attratto dal suo migliore amico, Andrea, con quest’ultimo vivrà una storia disordinata e spiacevole. Attraverso gli occhi del protagonista scorrono le vicende di un gruppo di liceali: i drammi futili, le piccole vittorie, le ipocrisie, i compromessi, i “sogni bucati” quando ci si è resi conto di essere diventati grandi. Questo specchiarsi nel profondo, per Roberto, sarà il raggiungimento di un obiettivo nuovo che lo costringerà a ricollocare la sua “storia vera”.

Rossella Luongo, Avellino 1971. Svolge la professione di avvocato ed è giornalista-pubblicista dal 1995. Ha realizzato un Ebook di racconti dal titolo “Borderline” (Self-publishing, 2011), riprodotto anche su carta in tiratura limitata. Ha pubblicato le seguenti raccolte di poesia: “Passaggi di piccole cose” (Joker, 2011), “Ipotesi di contrasto”(Giulio Perrone, 2010), “Canti metropolitani” (Samuele, 2009), “La Fata e il Poeta” (Fermenti, 2007).


Spot

Spot

Spot