Madonna con Bambino e San Giovannino di Alonso Berruguete.
Arte e Cultura

In mostra alla Galleria degli Uffizi di Firenze l’arte spagnola.

Tra le città italiane note in tutto il mondo per la loro storia, l’arte e la cultura, sicuramente un posto di rilievo è occupato da Firenze, “culla del Rinascimento”, riconosciuta per la bellezza dei suoi numerosi monumenti e musei, si pensi solo al Duomo, Santa Croce, Piazza della Signoria, Ponte Vecchio, Palazzo Pitti, gli Uffizi.

Per un weekend nel capoluogo toscano all’insegna della cultura, la Galleria degli Uffizi rappresenta senza dubbio una tappa d’obbligo, essendo uno dei più conosciuti e rilevanti musei al mondo. Vanta da tempo il primato di museo d’arte italiano più visitato e ospita una superba raccolta di opere dal valore inestimabile, provenienti dalle collezioni dei Medici e arricchite nel corso dei secoli (tra gli altri, ricordiamo i tesori qui conservati di Cimabue, Michelangelo, Botticelli, Giotto, Leonardo, Tiziano, Caravaggio).

Alle esposizioni permanenti si affiancano le sempre affascinanti temporanee. Fino al 26 maggio, in particolare, gli Uffizi ospitano la mostra “Norma e capriccio. Spagnoli in Italia agli esordi della maniera moderna”, che rappresenta il primo evento espositivo dedicato all’attività degli artisti spagnoli giunti in Italia tra l’inizio del Cinquecento e gli anni Venti del secolo scorso.

L’esposizione si articola in quattro sezioni.

Quella dedicata a Firenze, nella quale si ricostruisce l’attività artistica italiana di Alonso Berruguete e le influenze derivate da tale incontro di culture; la seconda sezione vuole indagare il contributo del pittore Pedro Machuca alla bottega romana di Raffaello; nella terza frazione si mostrano alcune sculture di Bartolomé Ordóñez e Diego de Silóe realizzate durante la loro residenza partenopea, con le conseguenti influenze sulla cultura campana; l’ultima sezione, infine, mostra le opere degli stessi artisti spagnoli eseguite al loro rientro in patria, per analizzare l’eredità che le esperienze italiane hanno avuto sul loro stile espressivo.


Aggiungi un commento

Clicca qui per un commento

Spot

Spot

Spot