fbpx
Arte e Cultura

La porcellana francese e la manifattura Ginori in mostra a Firenze

C’è tempo fino al 23 giugno 2013 per poter assistere alla mostra che celebra la notevole collezione museale di Palazzo Pitti a Firenze, presso il Museo degli Argenti, e la produzione della manifattura di Doccia durante il periodo che intercorre tra la dominazione napoleonica e la Restaurazione lorenese (1800-1830).

In occasione dei quarant’anni dall’apertura del Museo delle Porcellane di Palazzo Pitti, l’evento “Lusso ed eleganza. La porcellana francese a Palazzo Pitti e la manifattura Ginori” è stato creato dalle sinergie della Sopraintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etno-antropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e dell’Associazione Amici di Doccia.

[wp_bannerize group=”Adsense 300″] La mostra si compone di circa centocinquanta opere, venti delle quali inedite, provenienti da prestigiosi prestiti di musei internazionali quali Musée National de Céramique di Sèvres, il Museum für Kunst und Gewerbe di Amburgo, il Palais Fesch-musée des Beaux-Arts di Ajaccio, il Musée des Arts Décoratifs di Parigi, la Fondation Napoléon di Parigi (che non ha una propria sede espositiva, quindi questa rappresenta un’occasione unica per vedere gli oggetti prestati), il Museo Correr di Venezia, il Museo Capodimonte di Napoli, la Galleria Sabauda di Torino, il Museo Napoleonico di Roma, oltre alla Galleria Palatina e alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti e al Museo Richard-Ginori della manifattura di Doccia. Sono notevoli anche i prestati da parte di privati che hanno generosamente reso visibili al pubblico le loro opere.

Durante la prima metà dell’Ottocento i manufatti di Doccia occuparono un posto di rilievo negli ambienti nobiliari della Toscana, accogliendo influssi francesi sia per quanto concerne la decorazione sia nella ricerca delle forme. In particolare, sotto la direzione di Carlo Leopoldo Ginori Lisci, tale manifattura contribuì a definire una tipologia decorativa che influenzò tutto il terzo decennio del XIX secolo.


Spot

Spot

Spot