fbpx
Spettacoli

Lady Gaga superstar: nuda con Taylor Kinney, annuncia Fame e ArtPop.

Lady Gaga ha annunciato il titolo del suo nuovo disco tramite una foto pubblicata sul suo social network Little Monsters! e rilanciata su Twitter che mostra la scritta “Artpop” tatuata sul suo braccio.

Sarà infatti proprio questo il titolo del nuovo progetto, in uscita nel 2013, in merito al quale la stravagante cantante aveva precedentemente detto di rivelare i primi dettagli solo da settembre. Ma Lady Gaga, si sa, è anche indiscussa “Regina della Rete” e non ha resistito al fascino dei social network per provocare in anticipo la curiosità nei suoi tanti sostenitori riuscendo anche questa volta a far notizia.

Si parla anche di un importante ruolo da protagonista per Lindsay Lohan, conosciuta di recente ma a quanto pare già buone amiche, nei suoi nuovi video musicali.

Lady Gaga “Regina del web” tra Twitter e littlemonsters.com

La pop star americana è sempre sulla cresta dell’onda. Lady Gaga sarà infatti sulla cover del magazine Vogue America del numero di settembre. Questa uscita rappresenta quella più importante per la rivista e sembra che sarà l’edizione più corposa per numero di pagine mai pubblicata. L’incontrastata e tanto discussa cantante americana lo annuncia servendosi ancora una volta dei preziosi strumenti di condivisione offerti dalla Rete (ricordiamo che ha da poco lanciato anche il suo personale social network Littlemonsters.com nel quale ha recentemente pubblicato una foto che la ritrae in piscina, nuda e avvinghiata al fidanzato, Taylor Kinney, con la semplice ma eloquente didascalia “T and Me”. A scongiurare così ogni dubbio sul loro amore, nonostante i tira e molla.

“Fame”, il profumo firmato Lady Gaga

Non poteva chiamarsi diversamente. “Fame” è la “luxury fragrance” di Lady Gaga che sarà presentata il prossimo 13 settembre al Guggenheim Museum di New York. Gli scatti della campagna pubblicitaria, che la ritraggono nuda ma coperta nelle parti più intime solo da piccoli omini che scalano il suo corpo (a voler reinterpretare in chiave decisamente personale “I Viaggi di Gulliver”), sono del fotografo Steven Klein e hanno già sollevato polemiche.

 

Spot

Spot

Spot