Arte e Cultura

L’arte dei Preraffaelliti in mostra a Palazzo Chiablese di Torino

Presentati per la prima volta in Italia, alcuni capolavori indiscussi della Confraternita dei Preraffaelliti, summa pittorica dell’età vittoriana, sono in mostra a Torino negli spazi espositivi di Palazzo Chiablese fino al 13 luglio 2014.

Si tratta di un’occasione unica per ammirare dal vivo alcune delle più importanti opere dell’arte ottocentesca, prima che tornino a Londra per essere custoditi in un’ala dedicata della Tate Britain.

Preraffaelliti. L’utopia della bellezza” è promossa da Comune di Torino – Assessorato alla Cultura, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e dal Polo Reale di Torino, prodotta da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 Ore, ha ottenuto il patrocinio del MiBACT – Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ed è parte di un tour mondiale che finalmente l’ha portata anche in Italia.

La grande esposizione racchiude i dipinti intorno a sette tematiche così ripartite: la storia, la religione, il paesaggio, la vita moderna, la poesia, la bellezza e il simbolismo. E in più, vengono evidenziate le influenze che questa corrente pittorica ha avuto sulla cultura occidentale a partire dagli anni Ottanta, a metà tra dark e gotico.

La Confraternita dei Preraffaelliti si è sviluppata durante l’epoca vittoriana in Gran Bretagna; il fondatore è ritenuto Dante Gabriel Rossetti. Tale corrente include nomi del calibro di William Trost Richards, William Morris, William Hunt, John Everett Millais, Edward Coley Burne-Jones e John William Waterhouse.

La loro arte si rifà alla pittura esistita prima di Raffaello, ritenuto colpevole di aver idealizzato la natura e sacrificato la realtà in nome della bellezza, e influì in maniera predominante sul Simbolismo.

Tra i capolavori in mostra impossibile non ricordare la celeberrima “Ophelia” di John Everett Millais, ma ci sono anche “La sposa” di Dante Gabriele Rossetti, “Prendete Vostro figlio, Signore” di Ford Madox Brown e “Sidonia von Bork 1560” di Edward Coley Burne-Jones.

Chi desidera visitare la mostra può farlo lunedì dalle 14.30 alle 19.30, martedì, mercoledì e domenica dalle 9.30 alle 19.30, giovedì, venerdì e sabato dalle 9.30 alle 22.30 (il servizio di biglietteria termina però un’ora prima dell’orario di chiusura).


Spot

Spot

Spot