Dove riparare le scarpe ad Avellino
Fashion & Lifestyle

Avellino, c’era una volta il Calzolaio: ecco dove andare oggi.

Dove riparare scarpe, ma anche accessori vari quali borse e cinture? Ecco alcuni dei più noti calzolai di Avellino cui poter fare riferimento.

E’ un mestiere antico che, nonostante i tempi diversi e qualche fisiologica difficoltà di un mercato sempre più consumistico, continua a sopravvivere.

Quella del calzolaio è un’attività che trae origini nel periodo medievale, quando ciò che veniva richiesto era la vera e propria realizzazione di una scarpa.

Riferimento illustre per l’Irpinia è senza dubbio Salvatore Ferragamo, nato calzolaio in quel di Bonito Irpino nel 1898 e divenuto con il tempo stilista delle star e marchio dall’indiscusso fascino.

L’arte della Scarpa fatta a mano e su misura

Tra i più bravi artigiani avellinesi non possiamo non ricordare l’abilità del mitico e compianto “Danilo Malagoli” che nel centro storico realizzava scarpe fatte a mano di straordinaria qualità.

“Danilo è stato, con rigore e discrezione, uno di quei maestri dei saperi manuali su cui tanta parte della “diversità” italiana si è costruita. Maestro nella sua arte, Danilo trasferiva l’orgoglio legittimo di chi era consapevole di come, sotto le proprie mani, la materia acquistasse utilità coniugata a bellezza: l’amore per il suo lavoro faceva delle scarpe, completamento modesto dell’abbigliamento, un oggetto vivo, in cui si trasferiva la personalità dell’artefice. E questo orgoglio ha alimentato, nel corso della sua esistenza, una attenzione costante a che la ricchezza dei saperi manuali non venisse dispersa” lo ricorda così con queste belle parole, qualche tempo fa all’indomani della sua scomparsa, la CNA di Avellino.

Attualmente il lavoro consiste perlopiù nella riparazione.

Le scarpe rappresentano una parte preziosa e fondamentale dell’abbigliamento di una persona, imprescindibili per svolgere qualsiasi azione della vita quotidiana.

E, rispetto ad altri capi di maggiore ricambio per i quali è anche possibile spendere meno a discapito della qualità, sulla scarpa di norma il risparmio è minore.

E’ molto frequente, infatti, l’abitudine a spendere di più per acquistare un paio di scarpe garantendosi comodità e qualità.

C’è poi anche una componente più “romantica” legata alle scarpe, ai passi che vi si fanno insieme, alla strada che si consuma usandole, accompagnando la persona nei suoi viaggi e nelle sue avventure. Insomma, non di rado ci si affeziona anche.

Per tutti questi motivi, dunque, alla scarpa si desidera regalare una lunga vita.

Ed è così che vengono in soccorso i calzolai con il loro magico tocco.

Sono diverse le attività che svolgono: dalla sostituzione del sopratacco al cambio della suola, dalla sostituzione dei fondi, all’incollaggio, alla riparazione sui diversi materiali (pelle, cuoio, gomma).

Spesso spendendo pochi euro, (un incollaggio costa circa 4 euro) scarpe costate non poco riprendono vita e tornano allo splendore di un tempo.

Oltre alle calzature, è loro materia anche la riparazione e il perfezionamento di tanti accessori, dalle cinture alle borse, dall’abbigliamento in pelle ai piccoli oggetti di uso quotidiano, come può essere un portachiavi.

E ad Avellino dove è possibile trovare un bravo calzolaio?

Storico riferimento su Corso Europa, c’è Sandro con la sua bottega, nella quale si impegna da anni nei più diversi lavori di aggiustature e di creazioni, anche duplicati di chiavi.

Una vecchia guardia di qualità, lungo via Due Principati, è Capolupo, specializzato nella vendita di calzature e accessori correlati, oltre che di cinture, ma anche bottega dove riparare borse e giacche in pelle.

A via Carducci invece c’è La bottega del calzolaio, in cui scarpe e accessori in diversi materiali ritrovano una seconda vita grazie ad attenti programmi di rigenerazione, con annessa vendita diretta sul posto di accessori in vera pelle italiana.

Molto nota anche la piccola bottega “Il Calzolaio” che si trova all’inizio di Via Circumvallazione sulla destra per chi proviene dalla zona del Tribunale

SPOT

SPOT

SPOT

SPOT