Arte e Cultura

Mostre a Genova: al Palazzo Ducale l’Espressionismo Tedesco

Dal 5 marzo al 12 luglio 2015 si svolge a Genova la mostra “Da Kirchner a Nolde. Espressionismo Tedesco”, che indaga un movimento che ha segnato la storia dell’arte, fonte d’ispirazione per i movimenti artistici contemporanei.

Sono le sale espositive del Palazzo Ducale di Genova ad accogliere una grande mostra che si focalizza sull’intensità dei colori che caratterizzano le opere del gruppo di artisti denominato “Die Brücke” (“Il Ponte”), facenti parte dell’avanguardia tedesca e formatosi a Dresda il 7 giugno 1905.

Furono loro a porre le fondamenta per un movimento straordinario che ha profondamente influenzato la storia dell’arte e che ha preso il nome di Espressionismo.

Inizialmente furono i quattro studenti di architettura Ernst Ludwig Kirchner, Erich Heckel, Karl Schmidt-Rottluff e Fritz Bleyl a decidere di formare un collettivo per attirare l’attenzione pubblica. Ben presto si sarebbero accorti che si trovavano all’inizio di una vera e propria rivoluzione artistica. Nel 1906 si unirono a loro anche Max Pechstein e Emil Nolde, mentre nel 1910 si aggiunse Otto Mueller.

Le opere di questo gruppo di artisti rappresentano ancora oggi esempi di eccezionale importanza e costituiscono un significativo contributo della Germania all’Arte Moderna. Divenendo poi fonte d’ispirazione per i movimenti artistici contemporanei.

Il loro obiettivo principale era quello di portare un netto rinnovamento nell’arte nazionale, abbandonando gli standard di natura accademica e ricercando una nuova espressione artistica, innovativa e indipendente. L’intenzione era quella di trasmettere allo spettatore una sensazione individuale percepita in un determinato momento da rappresentare nell’immediato, in maniera intuitiva senza alcuna valutazione intellettuale.

L’intento fondamentale della mostra di Genova è quello di presentare le diverse personalità del movimento espressionista a partire dai primi anni della sua esistenza, nel periodo che ha preceduto lo scoppio della prima guerra mondiale, e di inquadrarlo poi nel panorama dell’arte moderna internazionale di inizio Ventesimo secolo.

La mostra è organizzata da Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura in collaborazione con il Brücke-Museum di Berlino.


Spot

Spot

Spot