fbpx
Avanguardia Russa in mostra a Firenze
Palazzo Strozzi di Firenze ospita fino al 19 gennaio 2014 una mostra dal titolo “L’Avanguardia russa, la Siberia e l’Oriente”, evento che racconta per la prima volta l’attrazione e le influenze subite dagli artisti del Modernismo russo verso il mondo esotico.
Arte e Cultura

Mostre Firenze. L’Avanguardia Russa a Palazzo Strozzi

Palazzo Strozzi di Firenze ospita fino al 19 gennaio 2014 una mostra dal titolo “L’Avanguardia russa, la Siberia e l’Oriente”, evento che racconta per la prima volta l’attrazione e le influenze subite dagli artisti del Modernismo russo verso il mondo esotico.

L’esposizione si sviluppa in un viaggio artistico che mette in relazione l’arte russa e il vasto universo culturale orientale attraverso 130 opere suddivise in undici sezioni, di cui 79 tra disegni, dipinti e acquerelli, 15 sculture e 36 incisioni e oggetti del repertorio etno-antropologico.

Tra gli artisti presenti con le loro opere troviamo alcuni grandi nomi: Wassily Kandinsky, Kazimir Malevič, Natal’ja Gončarova, Michail Larionov, Léon Bakst, Alexandre Benois, Pavel Filonov, pittori la cui influenza artistica ha poi contribuito a sviluppare l’arte moderna del secolo scorso.

Una mostra che relaziona gli esponenti di spicco della corrente avanguardista russa con altri artisti dell’epoca, ugualmente importanti nonostante fossero meno noti, quali Nikolai Kalmakov, Sergej Konenkov e Vasilij Vatagin.

Quello che si vuole evidenziare con questa esposizione fiorentina è la grande consapevolezza di questi artisti dell’importanza del mondo orientale, contribuendo con la loro attività a un dibattito culturale che ha segnato profondamente la storia artistica di quel periodo storico.

Un’occasione per ammirare opere mai viste in Italia prima d’ora, che conducono il visitatore all’esplorazione di una terra di confine, di una realtà ricca di fascino e di contaminazione culturale.

L’arte russa ha infatti attinto più di ogni altra alle molteplici sfaccettature esotiche in senso lato, dalle steppe asiatiche al Giappone, dalla Cina all’India, arricchendo notevolmente il proprio patrimonio artistico.

La mostra è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 20 (il giovedì invece dalle 9 alle 23).

Spot

Spot

Spot