fbpx
John William Lewin
John William Lewin
Arte e Cultura

Mostre a Londra: l’Australia al Royal Academy of Arts

Fino all’8 dicembre Londra omaggia l’arte australiana ospitando la più grande rassegna mai realizzata in Europa sull’immenso Paese dell’Oceania.

In esposizione alla Royal Academy of Arts circa duecento opere raccontano 200 anni di storia dell’Australia a partire dal 1800 e fino a oggi.

Un ricco patrimonio artistico che si compone di dipinti, disegni, fotografie, acquerelli e opere multimediali in cui la fonte d’ispirazione prevalente è il paesaggio australiano; un’indagine tra le più complete che siano mai state mostrate al di fuori della grande isola del continente oceanico.

Una terra selvaggia e ricca di tradizioni, con un’identità nazionale ormai definita a partire dai primi insediamenti indigeni, a quelli delle colonie e in seguito all’urbanizzazione moderna.

Un mix culturale che affianca il mistero della cultura aborigena a quella coloniale, fino all’affermazione degli artisti contemporanei, tra ricerca e innovazione.

L’Australia è infatti un territorio ricco di contraddizioni che convivono, che esiste nella costante dicotomia tra le grandi metropoli moderne e popolate e un entroterra che si compone per la maggior parte di deserto, tra le comunità aborigene che continuano a sostenere con orgoglio la propria cultura e i cosiddetti “bianchi” che sono successivamente venuti a stabilirsi applicando in molti casi l’oppressione.

E’ il legame speciale tra i luoghi e le persone a costituire il tema portante della mostra.

Essa racconta in particolare di come gli artisti, provenienti in gran parte dalla Gran Bretagna nel periodo della colonizzazione, si siano gradualmente uniti a quelli indigeni, dedicandosi a ritrarre paesaggi unici e suggestivi.

L’acquerello in mezzo preferito.

Tra le opere più suggestive una rappresentazione monumentale di un pesce pescato nel porto di Sydney, dipinta intorno al 1813 da John Lewin, il primo artista professionista colono libero.

Spot

Spot

Spot