Home » Arte e Cultura » Mostre a Madrid: in esposizione la pittura dei Macchiaioli
Arte e Cultura

Mostre a Madrid: in esposizione la pittura dei Macchiaioli

Continua in Spagna, dopo i consensi riscossi a Parigi, il successo della mostra dedicata al grande movimento italiano del XIX secolo, intitolata “Macchiaioli. Realismo impressionista in Italia”.

Fino al 5 gennaio 2014 è infatti la Fundación Mapfre di Madrid, nella Sala Recoletos, a ospitare una raccolta di circa cento opere provenienti dalle maggiori collezioni italiane pubbliche e private tra cui la Galleria d’Arte Moderna del Palazzo Pitti, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, la Galleria d’Arte Moderna di Milano, la Fondazione Musei Civici e la Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro di Venezia, il Museo Civico di Giovanni Fattori di Livorno e l’Istituto Matteucci di Viareggio.

Un percorso ricco e intenso che vuole descrivere un importante capitolo della pittura europea, che trova la sua espressione in un gruppo di artisti che anticiparono alcuni dei pilastri fondanti dell’Impressionismo.

Tra i capitoli più brillanti della modernizzazione dell’arte pittorica europea, i Macchiaioli nascono intorno al 1855 a Firenze come piccolo gruppo di giovani pittori ispirati dalla ricerca di un tipo di arte innovativo. La loro idea di fondo era quella di contrastare lo stile accademico, ripudiando i contesti della loro formazione artistica e perseguendo una pittura del vero.

Visioni dunque molto innovative, dipinti caratterizzati da intensi contrasti di luce e ombra ottenuti grazie alla giustapposizione di macchie di colore. Tra i più illustri esponenti del movimento si ricordano Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Silvestro Lega, Giovanni Boldini, Giuseppe Abbati e Odoardo Borrani.

Nonostante la corrente artistica abbia generato notevoli influenze anche in Spagna, questa mostra risulta essere la prima interamente dedicata ai Macchiaioli in territorio iberico, frutto della collaborazione tra la fondazione madrilena, l’Orangerie e il Museo d’Orsay di Parigi.


Condividi sui social:

Spot

Spot

Spot