fbpx
Arte e Cultura

Mostre a Milano: l’arte di Klimt protagonista al Palazzo Reale

Al genio creativo di Gustav Klimt (1862 – 1918), uno dei massimi esponenti dell’Art Nouveau, è dedicata un’importante mostra che si svolge fino al 13 luglio 2014 nelle preziose sale del Palazzo Reale di Milano.

Klimt. Alle origini di un mito” è realizzata in collaborazione con il Museo Belvedere di Vienna ed espone al pubblico venti esclusive tele a olio del grandissimo artista austriaco. Nel 2012, in occasione del 150° anniversario dalla nascita di Klimt, fu proprio il Museo Belvedere a installare una grandiosa mostra sulla formazione e la carriera del pittore viennese, oggi è l’istituzione milanese a ospitarne venti capolavori, oltre a ulteriori altre opere e a lavori di artisti a lui vicini a cominciare dai fratelli Georg ed Ernst, per un totale di più di cento opere.

Intento principale dell’esposizione è quello di analizzare i rapporti familiari e affettivi di Klimt, anche in relazione ai due fratelli pittori, esplorando gli esordi della sua carriera presso la Scuola di Arti Applicate di Vienna e la sua grande passione per il teatro e la musica attraverso la visione di opere provenienti da altri importanti musei del mondo.

Tra questi ricordiamo diversi capolavori come “Salomè” (1909), “Adamo ed Eva” (1917-1918), “Dopo la pioggia” (1898), “Girasole” (1907) e “Fuochi fatui” (1903).

A concludere il viaggio artistico e personale alla scoperta di Klimt troviamo la ricostruzione originale del “Fregio di Beethoven”, realizzato nel 1902, uno dei pezzi forti della rassegna, un’opera d’arte maestosa cui è stata infatti riservata un’intera sala.

Gli orari della mostra di Palazzo Reale dedicata a Gustav Klimt sono i seguenti: lunedì dalle 14.30 alle 19.30, martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 19.30, giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30. Il servizio biglietteria termina però un’ora prima della chiusura.

Claudia Mercaldo

Claudia Mercaldo

Giornalista pubblicista, laureata in scienze della comunicazione presso l'Università di Torino, collabora da diversi anni con Agendaonline.it

Spot

Spot

Spot

Share via