Arte e Cultura

Mostre a Roma: omaggio a Pasolini al Palazzo delle Esposizioni

Il Palazzo delle Esposizioni di Roma celebra la controversa e affascinante figura di Pier Paolo Pasolini, uno dei più grandi intellettuali italiani del Novecento, con una mostra visitabile fino al 20 luglio 2014. Un omaggio attraverso dipinti, oggetti personali, appunti di viaggio, immagini inedite, concerti e incontri culturali, una grande iniziativa di respiro internazionale che coinvolge infatti anche altre tre capitali europee: Barcellona, Berlino e Parigi.

Intitolata “Pasolini Roma”, l’evento vuole raccontare come il Maestro sia riuscito a reinterpretare la città, oltre il suo mero ruolo di set cinematografico per parecchie sue pellicole. Il suo rapporto con Roma è stato caratterizzato da sentimenti contrastanti, amore e odio, desiderio di allontanamento e voglia del ritorno.

La Capitale ha rappresentato il suo principale punto di osservazione della realtà, un campo di studio e di analisi costante. Ma anche il luogo che lo ha visto protagonista di pregiudizi e persecuzioni da parte dei poteri politici e dei media, a causa della sua diversità e della profonda radicalità delle sue idee sulla vita e sulla società.

La mostra è organizzata in sei sezioni cronologiche: “1950-1955”, che coincidono con il suo arrivo a Roma; “1955-1960”, dalla pubblicazione di “Ragazzi di vita” alla fine della rivista “Officina”; “1961-1962”, che ne segnano l’ingresso nel cinema con “Accattone” e “Mamma Roma”; “1963-1966”, periodo in cui, nonostante Roma sia sempre il centro della sua vita, iniziano i viaggi e le inchieste itineranti; “1966-1969”, dall’emorragia da ulcera che lo tiene a letto, alle sei tragedie teatrali e alle opere scandalo; “1971-1975”, anni del fermento cinematografico, della doppia abitazione a Viterbo e a Roma, delle minacce di morte durante la lavorazione di “Salò” fino al tragico omicidio a Lido di Ostia ancora avvolto nel mistero.

Il viaggio espositivo attraversa l’incredibile vitalità creativa di Pasolini, dai luoghi in cui ha vissuto, alle sue passioni, cinema, poesia, letteratura, giornalismo, agli amici, agli amori difficili, all’impegno sociale, alle lotte personali che ha dovuto condurre durante tutta la sua esistenza.

La mostra affronta la figura di Pasolini a 360°, attestandosi quale occasione unica per poter vedere tutto insieme il materiale a lui dedicato. Un modo per scoprire la lunga esperienza romana dello scrittore, sempre in equilibrio tra momenti di entusiasmo, estrema creatività e straordinaria forza, e momenti di dubbi, angosce interiori e tragicità.

L’orario delle sale espositive di Palazzo delle Esposizioni è dal martedì al giovedì dalle 10 alle 20, venerdì e sabato dalle 10 alle 22.30, domenica dalle 10 alle 20, con ingresso consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura. Lunedì chiuso.