Home » Archivio » Mostre Roma: al Quirinale la classicità dell’antica Grecia
Mostre a Roma: Kore dall'Eretteo. 520-510a.C. Atene, Museo dell'Acropoli
Mostre a Roma: Kore dall'Eretteo. 520-510a.C. Atene, Museo dell'Acropoli
Archivio Senza categoria

Mostre Roma: al Quirinale la classicità dell’antica Grecia

Classicità ed Europa. Il destino della Grecia e dell’Italia”, questo il nome della mostra in svolgimento al Quirinale, e fino al 15 luglio 2014, che vuole celebrare il ruolo svolto dai due Paesi europei nel trasmettere il messaggio civilizzatore partito da Atene e da Roma nell’anno in cui la Grecia (dal 1° gennaio al 30 giugno) e l’Italia (dal 1° luglio al 31 dicembre) assumono le presidenze di turno del Consiglio dell’Unione Europea.

L’esposizione si svolge nei preziosi spazi della Sala delle Rampe e delle Sale delle Bandiere, proponendo ai visitatori venticinque capolavori dell’arte antica provenienti direttamente dai più noti impianti museali italiani e greci.

Il percorso ha inizio con il “Gruppo dei Tirannicidi”, realizzato dallo scultore Antenore, e prosegue con alcuni emblematici esempi della storia dell’arte antica come la “Kore” (520-510 a.C.) e “L’Atena Pensosa” (460 a.C.) dal Museo dell’Acropoli di Atene, il Domenicos Theotokopoulos (1541-1614), detto “El Greco” San Pietro dalla Galleria Nazionale – Museo Alexandros Soutzos di Atene, la “Testa del filosofo” (seconda metà del V secolo a.C.) dal Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, il “Cratere di Eufronio” (515 a.C. circa) dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia di Roma, il “Codice Purpureo di Rossano”, meraviglioso evangeliario risalente al VI secolo d.C. dal Museo Diocesano di Arte Sacra di Rossano (Cz) e ancora il “San Giovanni Battista” (1605-1606) dipinto dal Caravaggio dalla Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Corsini di Roma.

Insomma, un’importante occasione per ripercorrere diversi millenni di storia ellenica e indagare il ruolo dell’Italia nel trasmettere i valori di civiltà appartenuti al mondo greco antico.

L’accesso ai visitatori è gratuito e senza necessità di prenotazione, ed è possibile dal martedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30. L’orario domenicale è dalle ore 8.30 alle ore 12.00.

L’esposizione romana è chiusa al pubblico tutti i lunedì e i festivi e durante le domeniche del 20 aprile, 1°, 22 e 29 giugno, 6 e 13 luglio.


Condividi sui social: