Arte e Cultura

Mostre Torino: a Venaria Reale i capolavori degli Este

Fino al 6 luglio 2014 nelle Sale delle Arti nella Reggia di Venaria Reale, a poca distanza da Torino, è in corso la mostraSplendori delle corti italiane: gli Este. Rinascimento e Barocco a Ferrara e Modena”, che vuole omaggiare i maggiori capolavori del collezionismo estense, molti dei quali provenienti dalla Galleria Estense di Modena, ancora chiusa al pubblico a causa degli eventi sismici che hanno colpito la zona nel 2012.

Un affascinante percorso artistico che attraversa diverse correnti, Umanesimo, Rinascimento e Barocco, mettendo in evidenza il mecenatismo degli Este attraverso opere di Tiziano, Correggio, Tintoretto, Cosmè Tura, Dosso Dossi, Guercino, Velàzquez e numerosi altri maestri che hanno operato tra il Cinquecento e il Settecento.

Questi capolavori, creati per impreziosire palazzi ducali e castelli, sono giunti a Torino per la prima volta. Tutti i dipinti, le sculture, gli strumenti musicali esposti sono suddivisi in nove sezioni cronologiche.

Tra tutti ricordiamo il “Venere, Marte e Amore” di Guercino oppure il “Riposo nella fuga in Egitto” del Correggio. E ancora l’Arpa estense o il Violoncello barocco di Domenico Galli, pezzi che di rado sono stati esposti al di fuori della Galleria Estense di Modena.

A impreziosire ulteriormente il viaggio storico e artistico di questa mostra, ci sono anche due pale d’altare custodite nella chiesa di San Francesco di Mirandola, colpita in modo grave dal recente terremoto, che il centro conservazione e restauro de La Venaria Reale ha restaurato per l’occasione.

L’esposizione rappresenta un’occasione interessante per approfondire la conoscenza sul ruolo della corte degli Este in riferimento ai periodi di regno di Ferrara e di Modena e nelle sue relazioni con lo sviluppo artistico avvenuto durante la loro presenza. Due secoli che l’hanno vista promotrice delle arti e nei quali la produzione artistica ha subìto un grande impulso creativo.

La mostra nella Reggia di Venaria Reale è visitabile dal martedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00, sabato, domenica e festivi dalle 9.30 alle 19.30 con ultimo accesso un’ora prima (chiusa il lunedì) e rappresenta inoltre l’opportunità di visitare un sito tra i più importanti delle Residenze Reali Sabaude, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.


Spot

Spot

Spot