fbpx
Antonio de Curtis in arte Totò
Antonio de Curtis in arte Totò visto da Guy Bourdin, 1955
Attualità Prima Pagina

50 anni dalla scomparsa di Totò: Napoli lo ricorda con mostre, concerti ed eventi.

A Napoli, sua città natale, da aprile a luglio 2017 tanti eventi, mostre e spettacoli per ricordare Totò e il suo immenso bagaglio artistico.

Era il 15 aprile 1967 quando Antonio De Curtis, per tutti semplicemente Totò, lasciò il palcoscenico della vita terrena per approdare altrove, tra gli altri grandi dello spettacolo che l’avevano preceduto.

Morì nella sua casa romana di via dei Monti Parioli, 4, di mattina presto, all’età di 69 anni, stroncato da un infarto in seguito a una lunga agonia per la quale fu lui stesso a pregare familiari e medico di lasciarlo morire.

Per tutti rimarrà “il Principe”, della risata, dell’ironia, del teatro, del cinema, della genialità. Un mito, un simbolo di una città e di un’intera nazione.

In occasione dei cinquant’anni dalla sua scomparsa, per ricordare tutta la sua immensa arte, Napoli omaggia Totò con una serie di eventi a partire dal mese di aprile e che si protrarranno fino al mese di luglio.

Si parte con quelle promosse dalla Regione Campania insieme alla Fondazione Campania Festival e Film Commission.

Il 15 aprile 2017 presso il Rione Sanità, quartiere che dette i natali a Totò, sarà inaugurata l’opera di Giuseppe Desiato intitolata “Totó l’uomo tutto d’un pezzo che ha lasciato un grande vuoto”, che sarà alloggiata in Largo Vita alla Sanità.

A partire da questa data, saranno inoltre ricostruiti alcuni dei suoi set cinematografici più noti, lì dove un tempo furono girati i rispettivi film (da “L’oro di Napoli” a “Totò, Peppino e la Malafemmina”).

Renzo Arbore, sempre nella stessa data, presenterà la “Serata Totò” dall’auditorium del Centro di produzione Rai napoletano che sarà trasmessa in diretta da Rai 2.

Sempre da metà aprile in programma anche visite, percorsi, laboratori e attività sportive per i più piccoli con l’iniziativa “Totò, l’arte, l’umanità” presso il Rione Sanità e con la collaborazione della Fondazione Comunità San Gennaro.

Da metà aprile anche diversi concerti dell’orchestra giovanile del rione Sanità “Sanitansamble”. A chiusura di questi, in piazza Sanità, il concerto “Benvenuti al Rione Sanità” con tanti illustri ospiti.

Tra questi si vedranno Gigi e Ross, Francesco Cicchellla, Pasquale Palma, Andrea Sannino, Serena Autieri, Clementino e molto probabilmente anche Alessandro Siani.

Il 27 aprile 2017 nello scenario del Teatro Trianon si svolgerà invece lo spettacolo “Totó che tragedia!”, mentre domenica 7 maggio, all’Auditorium RAI o al Teatro Trianon, la Nuova orchestra Scarlatti porterà in scena “La Sinfonia di Totó” ideata e orchestrata da Federico Odling che ripercorrerà le colonne sonore delle più celebri pellicole.

A giugno, con data da definire, assieme all’Università Suor Orsola Benincasa ci sarà “Diagonale Totó” con vari film in cartellone e il restauro di “Miseria e Nobiltà” realizzato dalla Fondazione Film Commission con il Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca Nazionale di Roma.

A seguire una serie di iniziative organizzate dal Comune di Napoli che ha già annunciato una futura scuola di Teatro a Palazzo dello Spagnuolo e la mostra “Totò Genio” dal 12 aprile al 9 luglio 2017 presso il Maschio Angioino, Palazzo Reale e nel Complesso di San Domenico Maggiore.

Spot

Spot

Spot