Home » Cucina e Gastronomia » Piero Mastroberadino stappa un Taurasi del 1934 ed altre nove annate.
Taurasi Day Mastroberardino
Taurasi Day Mastroberardino
Cucina e Gastronomia Prima Pagina

Piero Mastroberadino stappa un Taurasi del 1934 ed altre nove annate.

Oggi presso le antiche cantine di Atripalda, grazie alla magia del vino e alla storia della famiglia Mastroberardino si tornerà indietro nel tempo partendo da 2009 fino alla vendemmia del 1934. In serata evento AIS al Resort radici di Mirabella.

Con un annuncio dato sulla pagina Facebook della sua azienda Vinicola, Piero Mastroberardino ha comunicato una spettacolare verticale programmata per la giornata di oggi.

Si tratta della più ampia degustazione verticale di Taurasi mai organizzata in Italia mentre risale al 29 giugno 2010, quella tenuta a New York al numero 110 di Central Park South, dove si è tenuta quella che è entrata negli annali come ‘la degustazione per eccellenza’ con una serie di Taurasi Mastroberardino, che hanno ripercorso la storia della Campania e dell’Italia del vino, a ritroso dal 2006 fino al 1928.

Presso le antiche cantine Mastroberardino di Atripalda saranno aperte in degustazione 10 annate di ‪‎Taurasi‬ dal 1934 al 2009.

Un selezionato e ristretto panel dei degustatori, ripercorrerà circa 80 anni della storia di questo grande vino della Campania, attraverso 10 Annate.

Ciascuna annata è stata scelta da Piero Mastroberardino tra quelle più significative dal punto di vista enologico e più premiate a livello nazionale e internazionale.

Il Taurasi di Mastroberardino nasce da vigne ubicate a Montemarano e Mirabella Eclano, per il Radici e dai possedimenti di Montemarano per il Radici Riserva.

Altitudine che varia dai 300 ai 450 metri, clima fresco, grande escursione termica e terreni calcarei e vulcanici sono gli ingredienti che hanno permesso alle dieci generazioni di Mastroberardino di conservare e migliorare la tradizione legata all’aglianico.

Il Riserva prevede l’affinamento in legno per due anni e mezzo e altri quattro anni in bottiglia mentre il Radici un affinamento classico di due anni in legno (metà in barrique e metà in botte grande) e altri due in bottiglia.

Ecco le annate che saranno aperte in degustazione:

  • 2009 RADICI TAURASI DOCG RISERVA
  • 2008 RADICI TAURASI DOCG RISERVA Antonio
  • 2005 RADICI TAURASI DOCG RISERVA
  • 1999 TAURASI DOCG RISERVA CentoTrenta
  • 1996 RADICI TAURASI DOCG RISERVA
  • 1986 TAURASI DOC RISERVA
  • 1977 TAURASI DOC RISERVA
  • 1968 TAURASI DOC RISERVA
  • 1958 TAURASI DOC
  • 1934 TAURASI

Grazie alla magia del vino e alla storia della famiglia Mastroberardino si tornerà indietro nel tempo fino alla vendemmia del 1934. Passando, solo per citare alcune annate, per la mitica RISERVA 1968 e la pluripremiata RISERVA ANTONIO del 2008.

In serata presso il Radici Resort appuntamento,invece, con i vertici regionali e nazionali dell’AIS per un altrettanto interessante evento dedicato alla degustazione.

Si discuterà di enologia con Antonello Maietta, Presidente Nazionale AIS, Nicoletta Gargiulo, Presidente Regionale AIS. Le conclusioni saranno affidate a Piero Mastroberadino mentre modererà il dibattito Annito Abate, Delegato AIS di Avellino.

A seguire apertura banchi degustazione vini con buffet e Djset

Saranno aperti I “cru” dell’annata 2015 e una “chicca vintage” in degustazione

  • Morabianca Irpinia Falanghina DOC
  • Radici Fiano di Avellino DOCG
  • Novaserra Greco di Tufo DOCG
  • Lacrimarosa Irpinia Rosato DOC
  • Neroametà Bianco Campania IGT
  • Redimore Irpinia Aglianico DOC
  • Radici Taurasi DOCG
  • Greco di Tufo DOCG Vintage 2007

 


Condividi sui social:

Spot

Spot

Spot