Home » Salute e Benessere » I consigli del pediatra Pietro De Luca per la salute dei tuoi bambini.
Il pediatra Pietro De Luca
Il pediatra Pietro De Luca

I consigli del pediatra Pietro De Luca per la salute dei tuoi bambini.

Un corpo ben nutrito, allenato, curato e che vive in un ambiente salubre è molto più resistente. Molte infezioni sono dovute a tanti piccoli errori che vengono commessi quotidianamente.

La campanella che suona, l’emozione del primo giorno di scuola, l’attesa spasmodica per quelle prime ore lontano da casa.

Per i genitori, specie dei bambini più piccoli, di quelli che per la prima volta si approcciano al mondo della scuola, sono giorni di tensione e preoccupazioni.

Come reagirà al distacco? Come si relazionerà ai compagni?





Ma, soprattutto: resisterà alle infezioni pronte a colpire in quel “covo di germi”?

L‘avvio della scuola coincide, per tutti i genitori, con la prima, vera conoscenza del sistema immunitario dei propri figli.

Tutti pronti a prendere le contromisure. L’infezione non passerà!



Ma siamo sicuri di adottare sempre gli accorgimenti giusti per salvaguardare la salute dei bambini? Sono sempre esogeni i fattori che provocano influenze, allergie e i cosiddetti malanni di stagione?

E la prevenzione, la facciamo nel modo giusto?

Ne abbiamo discusso con il pediatra avellinese Pietro De Luca.

Per lui (ed i suoi colleghi) inizia proprio in questi giorni il “picco” lavorativo. Che non a caso coincide con l’inizio dell’anno scolastico.

“Con l’ingrsso a scuola aumenta la preoccupazione delle infezioni da parte dei genitori. Per loro – osserva il dottore De Luca – i pericoli da scongiurare sono innanzitutto le infezioni alle vie respiratorie, tosse, rinite, lacrimazione, febbre. Che si contrastano rafforzando il sistema immunitario”.

Dottore De Luca, come si rafforza il sistema immunitario nei bambini?



“Innanzitutto occorre comprendere che parlando di sistema, parliamo di qualcosa di complesso, che riguarda più fattori: l’età, l’alimentazione, l’ambiente domestico, quello scolastico.

Il sistema immunitario si rafforza con la prevenzione. Che non è solo quella farmacologica a base di immunomodulatori o immunostimolanti che, statisticamente, rendono meno virulenta ad esempio l’infezione respiratoria.

La prevenzione è anche, ed innanzitutto, una serie di comportamenti da adottare nel quotidiano che aiutano ad innalzare le difese e a ridurre i fattori di rischio”.

Quali sono i comportamenti corretti da adottare?

“Purtroppo raramente si presta attenzione all’alimentazione, che rimane la prima azione preventiva da mettere in campo. Il sistema immunitario è l’esempio di come un organismo debba essere nutrito: frutta, verdura, legumi, proteine devono essere preferiti ad alimenti preconfezionati, penso alle merendine o ad altre pietanze già pronte.

Chi si nutre bene avrà sicuramente un sistema immunitario molto più resistente e starà in generale meglio”.

In che senso?

“Si parla di simbiosi tra sistema immunitario, polmonare, intestinale, cerebrale: non si tratta di sistemi separati tra loro ma che si influenzano.

Un bambino che fa abuso di merendine o di insaccati ha un sistema immunitario meno resistente di un bambino che mangia in maniera sana.

Mi viene da sorridere pensando alle attenzioni che, le mamme in particolare, prestano agli indumenti da far indossare ai figli per evitare che possano prendere colpi d’aria e poi li nutrono in maniera scorretta. Far mangiare bene i bambini è molto più importante”.

Solo per Te, le offerte esclusive di oggi. Booking.com
}