fbpx
Lo staff della pizzeria Kalò di Valle ad Avellino
Lo staff della pizzeria Kalò di Valle ad Avellino
Cucina e Gastronomia

A Valle, la squadra di Kalò sforna piatti e pizze a tutte le ore.

Nel quartiere di Valle ad Avellino,lungo lo stradone di via Umberto Nobile, nell'area di servizio Q8 si trova la pizzeria Kalò un piccolo scrigno del gusto.



Metti insieme tutta l’energia di un distributore di carburante con l’euforia (e l’abilità) di una brigata di cucina con le mani sempre… in pasta.

Il risultato? Un grande centro di rifornimento. Di simpatia e buoni sapori.

Nel quartiere di Valle, lungo via Umberto Nobile, per tutti gli avellinesi più semplicemente lo “stradone”, nell’area di servizio Q8, alle spalle delle colonnine per il rifornimento, si trova la Pizzeria Kalò, un piccolo scrigno del gusto.

La squadra di Kalò

Kalò Pizzerie Valle, una delle “tre sorelle” del brand nato da un’idea di Antonio Cucciniello, imprenditore con la passione per la cucina, è molto più di una pizzeria.

Qui, la passione per la cucina è una sfida che si rinnova quotidianamente, offrendo il massimo dalla colazione all’aperitivo, dal pranzo alla cena.

A guidare la squadra in divisa bianca è Giuseppe “Peppone” Larocca, un vulcano sul tavolo degli impasti, ai fornelli e… nelle pubbliche relazioni.

“Perchè dialogare e coinvolgere i clienti è fondamentale nel nostro lavoro” spiega sorridendo.

“Scambiare battute, scherzare con chi hai di fronte ed è in attesa di una pizza aiuta sia a conoscere meglio il cliente ma anche a far trascorrere i minuti di attesa più velocemente”.

A giudicare dal “traffico” che sin dalle prime ore del mattino si concentra prima intorno al banco del bar per la colazione, poi a quello degli aperitivi e, a partire da ora di pranzo, nella sala (che può contare su oltre 80 posti a sedere, di cui da quest’anno una buona parte all’aperto), la filosofia di Peppone si rivela vincente. Giorno dopo giorno.

“Respiro l’aria della cucina da oltre 30 anni, da quando a 13 anni cominciai pulendo il pesce. Avevo 16 anni quando mi ritrovai, quasi dalla sera alla mattina, a dover cimentarmi ai fornelli. Lavoravo a Potenza, in un ristorante molto noto. Lo chef abbandonò ed io ed altri due colleghi e quasi coetanei ci trovammo a dover portare avanti la cucina”.

Ad Avellino, o meglio a Serino, Peppone Larocca è arrivato nel 1997, dopo aver lavorato ad Anagni, a Fiuggi ed anche a Cinecittà.

Qui, i contatti con i mostri sacri del mondo dello spettacolo gli sono serviti per alimentare la sua verve.

Dal 2011 è entrato a far parte prima della squadra dell’Accademia del Gusto e, successivamente, di quella di Kalò.

Al banco delle pizze, Larocca fa coppia con Sabino Pancione, altro veterano della famiglia Kalò.

“Il segreto della nostra pizza? La lievitazione. I nostri impasti maturano a lungo: così si ottengono pizze morbide e digeribili. E, poi, la cottura: i nostri clienti preferiscono una pizza un po’ più cotta, meno “gommosa” rispetto alla classica napoletana”.

In cucina, a completare la brigata, si alternano ai fornelli Peppe Ingino e Cristian Luongo.

“La cucina lavora di più a pranzo, perchè ogni giorno offriamo una scelta di tre primi e due secondi per una pausa pranzo in cui non bisogna rinunciare al gusto. Le pietanze variano, anche se tra i piatti più richiesti abbiamo le lasagne, i cannelloni e le fettuccine ai funghi porcini”.

Il venerdì da Kalò la pausa pranzo è dedicata alla cucina di mare.

Pesce fresco servito in diverse ricette, con un piatto che però non manca mai nel menù del venerdì: la frittura.

“Ci sono alcuni clienti che non saltano un venerdì! Molti consumano a tavolo qui, ma tanti prenotano magari un primo e la frittura da asporto”.

Il Pollo Campese di Kalò

Tra le novità targate Kalò, un’ottima idea per una cena intrigante e saporita, è il Pollo Campese di Amadori cotto al forno, alla piastra o alla brace.

Un pollo allevato a terra senza antibiotici che è il fiore all’occhiello dell’azienda cesenate.

“Ogni sera a partire dalle 19.30 il pollo è pronto per chi voglia assaggiare un prodotto veramente di qualità. Su prenotazione possiamo anche realizzare ricette personalizzate”.

A coordinare le prenotazioni con la cucina e a far scorrere senza intoppi la vita in sala è Gianpiero Nutolo, colui che detta i tempi al bar, al banco pizza e ai fornelli.

“E’ importante gestire bene i tempi ed evitare intoppi, specie in un’attività come la nostra dove è possibile che si accavallino diverse tipologie di richieste. Dalle 10.30 qui cominciamo a servire l’aperitivo ed ogni stuzzichino è preparato sempre da noi. Ma poi già dalle 12 cominciano arrivare i primi clienti per il pranzo: ecco che, dunque, diventa fondamentale gestire ritmi e comande”.

L’angolo rosa di Pizzerie Kalò Valle ha il volto ed il sorriso di Alessia e Gemma.

Il bar (ma anche la tabaccheria e l’edicola) è il loro regno sin dalle 6.30 del mattino (“ma naturalmente ci alterniamo!” sottolineano): dal caffè al cappuccino, dai cornetti alle brioche, tutto passa per le loro mani.

Una fortuna! Come quella che ha spesso baciato i clienti di Pizzerie Kalò Valle, entrati magari solo per un caffè ed usciti con un gratta e vinci a più zeri.

Per Informazioni

Leggi anche:

Spot

Spot

Spot