fbpx
Archivio Senza categoria

Le Previsioni Meteo dell’estate 2014: il tempo di giugno.



Archiviato ormai “Il grande inverno”, finalmente si inizia a parlare di estate. Traumatizzati da una primavera spesso latitante, ora tutti a domandarci “come sarà il meteo per l’estate 2014”?

Partendo dal presupposto che si tratta di previsioni e non di certezze matematiche, la situazione che si delinea analizzando portali meteo e blog di noti meteologici si può riassumere nel modo seguente: l’estate arriva improvvisamente e si presenterà altalenante nella prima parte, più stabile e con temperature sopra le medie nella seconda.

Insomma, ci stiamo ormai sempre più abituando a situazioni meteo ballerine e a temperature che salgono e scendono con una rapidità che fa invidia alle montagne russe.

Un’anteprima del meteo estate 2014 presenterebbe un susseguirsi di ondate anticicloniche, generalmente associate anche a grande caldo e temperature notevolmente superiori alle medie stagionali soprattutto nei versanti meridionali, e di incursioni di aria fresca associata a instabilità e fenomeni temporaleschi provenienti dall’Atlantico.

Lontani dalle temperature torride che si ebbero nel 2003, quando la colonnina di mercurio arrivò a segnare picchi di quasi 50 gradi in alcune zone dell’Europa ma che anche in Italia non scherzò portando le temperature per settimane sui 40 gradi, questa nuova estate potrebbe comunque risultare in linea di massima un po’ più calda della media.

Questo per colpa (o merito, dipende dai personalissimi gusti) del cosiddetto fenomeno del “Global Warming” che di anno in anno sta innalzando le temperature a livello globale e della manifestazione del Niño, così definito l’anomalo surriscaldamento dei mari pacifici equatoriali. La sua presenza dovrebbe farsi sentire a partire da giugno, ma in Italia generalmente la si avverte con un paio di mesi di ritardo, dunque presumibilmente ad agosto.

Per le conclusioni finali ci rifacciamo a un sunto tracciato dal meteorologo Mario Giuliacci che dal proprio portale fornisce il suo parere in merito:

<<Giugno: la calura dovrebbe essere sopportabile in giugno per una più ridotta possibilità di incursioni da parte dell’anticlone africano; Luglio: il mese sarà più caldo della norma, in sintonia con quasi tutti i mesi di luglio degli anni 2000, per effetto del Global Warming ma non vi saranno eccessi nella calura perché nessuno degli altri 3 fattori sembra favorire una ulteriore amplificazione della calura; Agosto: il mese minaccia di essere rovente con qualche ondata di caldo di notevole intensità perché all’effetto “global warming” si sommerà l’ “effetto Niño” e anche l’ “effetto Golfo di Guinea”>>.

Spot

Spot

Spot