fbpx
Arte e Cultura

Riapre il Van Gogh Museum di Amsterdam.

Chi ha messo in conto di trascorrere un soggiorno ad Amsterdam avrà un motivo in più per ammirare le bellezze della città e godere del suo patrimonio artistico. Dal prossimo 1° maggio infatti, a distanza di quarant’anni dalla sua fondazione, il Van Gogh Museum riapre i battenti.

L’edificio, progettato dall’architetto Gerrit Rietveld e completato nel 1999 su progetto di Kisho Kurokawa, riapre al pubblico dopo un lungo periodo di ristrutturazione. Sarà dunque possibile ammirare la più grande collezione dedicata al genio di Vincent van Gogh nella sua sede ufficiale, affiancata da un’esposizione temporanea dal titolo “Van Gogh all’opera” (che rimarrà visibile fino al 12 gennaio 2014) e che consentirà al visitatore di percorrere l’evoluzione artistica del pittore olandese attraverso numerose opere provenienti da esclusive raccolte private e dal museo stesso.

Oltre ai celeberrimi dipinti di Van Gogh e di alcuni suoi contemporanei, l’esposizione presenta inoltre lettere, taccuini, disegni su carta e oggetti appartenuti all’artista.

Autore di ben 864 tele e di oltre mille disegni, Vincent van Gogh ha influenzato profondamente l’arte del XX secolo con il suo stile che ha dato agli espressionisti un nuovo linguaggio pittorico. Tra le opere esposte i celebri: “I mangiatori di patate” (1885), “La camera di Vincent ad Arles” (1888), i “Girasoli” (1888-1889), il “Campo di grano con volo di corvi” (1890).

Il Van Gogh Museum si trova ad Amsterdam nel Quartiere dei Musei, in Paulus Potterstraat 7, tra il Rijksmuseum e la vecchia sede dello Stedelijk Museum, ed è facilmente raggiungibile con i tram dalla Stazione Centrale. Rappresenta senza dubbio una delle tappe necessarie quando si decide di visitare Amsterdam.

Spot

Spot

Spot