Week End a Aci Castello e Aci Trezza

Guida Turistica per un fine settimana a Aci Castello e Aci Trezza in Sicilia, Italia.

di

Nella provincia di Catania, in Sicilia, Aci Castello è una pittoresca cittadina che si estende lungo il litorale alle pendici dell’Etna e si protende verso il mare dove si apre la splendida Riviera dei Ciclopi. Il nome trae origine dal Castello di origine normanna costruito con roccia nera di basalto risalente al XI secolo.

Chi si reca ad Aci Castello non potrà non ammirarne la bellezza e la maestosità, a strapiombo sul mare, che regala splendidi scorci e scatti fotografici da cartolina.

E’ possibile visitare il Museo Civico del Castello, che offre un affascinante viaggio nel passato e accoglie reperti di archeologia subacquea, e l’Orto Botanico, che mostra una immensa collezione di piante durante tutto l’anno.

Gli amanti della natura e delle bellezze paesaggistiche si incanteranno ammirando le meraviglie della Riserva naturale integrale Isola di Lachea, Faraglioni dei Ciclopi e l’Area marina protetta Isole Ciclopi.



Si tratta di aree protette dall’indubbio fascino e dall’immenso valore paesaggistico e naturalistico, dove poter respirare a pieni polmoni un’atmosfera di benessere che riscalda il cuore.

Il turismo ad Aci Castello ricopre un ruolo molto importante, tanto che sono sempre numerose le persone che vi trascorrono piacevoli soggiorni per godersi il mare e le spiagge soprattutto nel periodo estivo.

Durante un weekend ad Aci Castello impossibile non gustare specialità culinarie a base di molluschi e crostacei oppure la famosa granita artigianale prodotta con gli agrumi che qui vengono ampiamente coltivati.

Assolutamente da vedere la frazione Aci Trezza, centro peschereccio di antica tradizione, famoso per il suo paesaggio e per rappresentare l’ambientazione del famoso romanzo “I Malavoglia” di Giovanni Verga.

Poco distante dalla Chiesa del Patrono è stata identificata la “casa del nespolo” (l’abitazione di Padron 'Ntoni del romanzo), dove è allestito un piccolo museo contenente oggetti della tradizione marinara e una mostra fotografica dedicata al film di Luchino Visconti “La terra trema”, girato in queste terre.