fbpx
crespi d'adda
crespi d'adda
Arte e Cultura

La storia di Crespi d’Adda, uno dei più particolari Siti Unesco in Italia.

Nel comune di Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo sorge il sito Unesco di Crespi d’Adda, un caratteristico villaggio operaio dell'800.

Nel comune di Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo da cui dista circa 40 chilometri, sorge Crespi d’Adda, un caratteristico villaggio operaio del settore tessile cotoniero realizzato a partire dal 1875 a opera di Cristoforo Benigno Crespi.

La cittadina rappresenta un emblematico esempio di progettazione dello spazio industriale del secolo scorso ispirato anche al benessere dell’operaio, con la costruzione, oltre che delle strutture adibite alla produzione, anche di dimore vivibili e con lo studio di condizioni lavorative più accettabili.

Per la sua rilevanza architettonica e per la chiara importanza storica, il sito è divenuto nel 1995 Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Il villaggio prende il nome dal vicino fiume Adda, area perfetta per la costruzione di un cotonificio, e si è conservato nel tempo sostanzialmente inalterato.

E’ stato ideato ispirandosi alle precedenti esperienze anglosassoni, in particolare alle teorie di Robert Owen, secondo cui un ambiente industriale necessitava anche di strutture che creassero una vera e propria comunità (dimore e luoghi sociali), per la convivenza pacifica tra la classe imprenditrice e quella operaia.

E’ così che l’ambizioso progetto incluse, oltre alle residenze per una parte degli operai (dotate di orto e giardino) e alle ville per i dirigenti, anche la chiesa (ispirata a Santa Maria in Piazza di Busto Arsizio), la scuola, l’ospedale, il teatro, un campo sportivo, la clinica, un cimitero.

Tra gli edifici spicca il “castello”, residenza estiva della famiglia Crespi, realizzato sullo stile neogotico lombardo e, ancora oggi, le ciminiere in mattoni dominano il paesaggio di Crespi d’Adda dotandolo di grande fascino.

Un magnifico esempio di villaggio operaio industriale tra i meglio conservati al mondo. La fabbrica, guidata dai Crespi, è stata attiva fino agli anni Venti, quando la crisi del 1929 e il fascismo costrinsero la famiglia a vendere il complesso.

Claudia Mercaldo

Claudia Mercaldo

Giornalista pubblicista, laureata in scienze della comunicazione presso l'Università di Torino, collabora da diversi anni con Agendaonline.it

Spot

Spot

Spot

Share via