Home » Arte e Cultura » Da oltre 200 anni, il Palazzo Reale di Caserta incanta il mondo.
reggia di caserta
La Reggia di Caserta

Da oltre 200 anni, il Palazzo Reale di Caserta incanta il mondo.

Alla scoperta della Reggia di Caserta che, con l'Acquedotto di Vanvitelli e il complesso di San Leucio, è tra i più preziosi tesori del Meridione d'Italia.
I giardini della Reggia di Caserta
I giardini della Reggia di Caserta

Un complesso monumentale maestoso e sfarzoso, che si distingue per la sontuosità degli ambienti interni e per la cura del suo immenso parco, realizzato in base agli schemi delle migliori regge europee settecentesche: è il Palazzo Reale di Caserta che, insieme all’Acquedotto del Vanvitelli e al borgo manifatturiero di San Leucio, è fin dal 1997 Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Il progetto della reggia casertana fu voluto da Carlo di Borbone nel 1750, quale simbolo di potere del suo regno che potesse competere per importanza e sfarzo con la Reggia di Versailles. Incaricato della realizzazione fu il Maestro Luigi Vanvitelli.

I numeri del Palazzo Reale sono davvero esorbitanti: 1742 finestre, 1200 stanze, 34 scale interne per cinque piani che si allargano su una superficie di 50.000 metri quadrati. La maestosità degli interni eguaglia quella degli spazi esterni.

Il parco, anch’esso opera di Vanvitelli, sebbene terminato e in parte modificato dopo la sua morte, è strutturato con un asse principale lungo tre chilometri e scandito da fontane barocche e gruppi statuari che terminano con la Grande Cascata, altamente scenografica.

Sulla destra si aprono i venticinque ettari di Giardino Inglese, in cui trovano luogo piante esotiche, vegetazione rara, statue e ruscelli.

Il suo volume (oltre due milioni di metri cubi) ha decretato la Reggia di Caserta la più grande residenza reale al mondo.

Essa rappresenta inoltre un importante polo attrattivo del Meridione d’Italia, visitata ogni anno da turisti italiani e stranieri.

Insieme alla Reggia, sono inclusi tra i Patrimoni dell’Umanità casertani anche San Leucio e l’Acquedotto.

Quest’ultimo, i cui lavori coordinati dal Vanvitelli presero il via nel 1753, nacque per fornire il giusto apporto idrico alla Reggia e al complesso di San Leucio prelevando le acque dalla fonte del Monte Taburno.

Esso è ancora oggi un magnifico esempio di ingegneria idraulica e di architettura.

Nel borgo di San Leucio troviamo infine il complesso tessile per la lavorazione della seta voluto da Ferdinando IV.



Era da qui che partivano un tempo per tutto il mondo alcune delle migliori lavorazioni in seta mai realizzate, che conquistarono presto la fama internazionale.

Ancora oggi nel Museo della Seta è possibile ammirare i macchinari del Settecento adoperati e, visitando il borgo, apprezzare questo gioiello dell’archeologia industriale.

Booking.com