Il Brunello di Montalcino.

Storia e caratteristiche dei vini toscani: Il Brunello di Montalcino.

di

Celebre ed apprezzato vino rosso DOCG (il primo in Italia ad aver ricevuto l’ambita denominazione), il Brunello di Montalcino è prodotto nei fertili terreni dell’omonimo comune della provincia senese.

Le sue origini risalgono al 1860 allorquando Ferruccio Biondi Santi decise di abbandonare la coltivazione di altri vitigni, dedicandosi completamente alla cura del Sangiovese Grosso o Brunello.

L’eccellente vino, però, per diversi anni non riuscì a varcare i confini del territorio senese, ciò anche a causa degli elevati prezzi di vendita.

A partire dal 1950, però, la situazione cambiò radicalmente e la fama del pregiato vino toscano si estese dapprima in Italia e poi anche all’estero.





 

Dal colore rosso rubino intenso e dal sapore robusto, caldo e persistente, il Brunello di Montalcino si abbina alla perfezione a carni rosse ed alla selvaggina.

Da provare anche l’accostamento con i formaggi, in particolare, con il gustoso pecorino toscano.

Ottimo l’abbinamento con piatti a base di funghi e tartufi.










 



Idee per un fine settimana in Toscana.