Archivi tag: internet

Italiani sempre più connessi per motivi di lavoro o di intrattenimento

La digitalizzazione di molti aspetti della vita delle persone, dal lavoro alla scuola, passando per l’intrattenimento, sta modificando in maniera definitiva il tempo che passiamo su internet o di fronte ad un display. Secondo gli esperti questo cambiamento, in generale, non deve preoccupare perché è una diretta conseguenza dello sviluppo tecnologico che fa parte delle vite di tutti. Tuttavia, è importante fare buon uso di internet e di tutte le piattaforme che si utilizzano per non farsi catturare dalla superficialità e rimanere produttivi.

Smartphone e social media

Una ricerca condotta da Toluna, società digitale nel settore delle ricerche di mercato, ha evidenziato come oltre il 70% degli italiani sia consapevole di utilizzare di più i social media, specialmente dal proprio smartphone. Il periodo storico di pandemia che stiamo vivendo ha cambiato i paradigmi della socializzazione, con molti lavoratori e studenti costretti a svolgere le loro attività da casa.
Per questo motivo gli adulti passano più tempo su Facebook, i ragazzi fino ai 23 anni su Instagram e tra i giovanissimi spopola TikTok. Inoltre, circa il 60% degli intervistati dichiara di passare più di due ore sui social media, una tendenza in netta crescita e destinata a continuare.

Computer e Smart Working

Il Covid-19 ha stravolto le nostre abitudini di studio, di lavoro e di molte attività che un tempo si svolgevano attraverso modalità non digitali.
Una diretta conseguenza di ciò è stata l’aumento di tempo trascorso in casa e la necessità di avere una fonte illimitata di Internet a casa. Il monitor del nostro computer è diventato l’unico compagno o collega presente fisicamente e disagi come il coinvolgimento, la motivazione e orari di lavoro non ben definiti hanno causato diversi problemi. Lo Smart Working, tuttavia, sarà una delle nuove modalità di lavoro dei prossimi anni poiché è utile per chi necessita di lavorare da casa, o addirittura da un’altra città. Per questo diventa sempre più importante avere internet a casa illimitato e compagnie come Linkem si stanno adeguando per offrire un servizio di linea fissa a costi abbordabili.

TV e piattaforme streaming

Anche il mondo dell’intrattenimento ha subito forti cambiamenti. Non potendo uscire di casa, specialmente la sera, TV e piattaforme streaming come Netflix e Amazon Prime Video sono le scelte di svago più frequenti. In media, in Italia, una persona passa circa 2 ore e 57 minuti al giorno guardando programmi televisivi, serie TV o film in streaming.

I cambiamenti di stile di vita e abitudini legati al lockdown sono destinati a durare nel tempo, almeno finché dovremo prestare attenzione al contatto umano per la nostra salute e sicurezza. Alcune alternative, come Smart Working o didattica a distanza, potranno essere utilizzate anche in futuro, ma per necessità diverse. L’unica certezza è che il mondo sarà sempre più digitale e tutti saremo sempre più connessi ad internet.

PEC aziendale: l’innovazione al servizio delle imprese

Secondo i dati forniti da AgID (Agenzia per l’Italia digitale) nel corso del primo bimestre 2020 il numero di caselle PEC è aumentato di quasi un milione di unità rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un correlato aumento dei domini di oltre 3.000 unità.

Lo strumento sembra quindi aver preso piede e appare destinato a mantenere un ruolo di primo piano nel processo di digitalizzazione del Paese.

Per le aziende la corretta gestione della o delle caselle PEC è fondamentale per non perdere avvisi e documenti importanti sia in entrata che in uscita.

Cos’è la PEC e perché è così importante

La posta elettronica certificata, abbreviata con l’acronimo PEC, ha infatti lo stesso valore legale di una raccomandata tradizionale con avviso di ricevimento.

Per certificare l’invio e la ricezione di un messaggio di PEC, il gestore di posta, sulla cui attività vigila l’AgID, invia al mittente una ricevuta che costituisce prova legale dell’avvenuta spedizione del messaggio e dell’eventuale documentazione allegata.

Allo stesso modo, il gestore invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna del messaggio, con precisa indicazione temporale.

I vantaggi per le imprese

La necessità di possedere una casella PEC non deve essere vista solo dal punto di vista dell’obbligo di legge, ma piuttosto come una risorsa per le imprese.

Innanzitutto l’utilizzo della posta elettronica certificata rappresenta per le aziende un risparmio di tempo e denaro. La necessità di consegnare ad altri, aziende o pubblica amministrazione, numerosi documenti ufficiali durante il corso dell’anno rende la PEC un modo per evitare la consegna brevi manu, le lunghe code agli uffici postali e l’attesa dei tempi di consegna.

Allo stesso tempo il costo annuale di una casella PEC è nettamente inferiore alla spesa che un’azienda dovrebbe sostenere per consegnare lo stesso numero di documenti con i mezzi tradizionali di spedizione.

Inoltre, trattandosi di un sistema certificato, l’utilizzo della PEC garantisce l’integrità e la sicurezza dei contenuti, senza tralasciare l’aspetto ecologico che va a braccetto con il processo di dematerializzazione: ogni messaggio di posta elettronica certificata, corredato da documenti e ricevute, è reperibile in ogni momento e archiviato nella casella senza necessità di stampa cartacea.